RITORNO ALLA LAGUNA BLU

Valutazione
Accettabile, Realistico
Tematica
Genere
Avventuroso
Regia
William A. Graham
Durata
103'
Anno di uscita
1991
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
RETURN TO THE BLUE LAGOON
Distribuzione
Columbia Tri Star Films Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Leslie Stevens tratto dal romanzo "The garden of god" di Henry de Vere Stacpoole
Musiche
Basil Poledouris
Montaggio
Ronald J. Fagan

Sogg.: tratto dal romanzo "The garden of god" di Henry de Vere Stacpoole - Scenegg.: Leslie Stevens - Fotogr.: (panoramica/a colori) Robert Steadman - Mus.: Basil Poledouris - Montagg.: Ronald J. Fagan - Dur.: 103' - Produz.: Randal Kleiser, William A. Grahant

Interpreti e ruoli

Milla Jovovich (Lilli), Brian Krause (Richard), Lisa Pelikan (Sarah Hargrave), Nana Coburn (Sylvia), Brian Blain (Hilliard), Peter Hemir (Quinlan), Alexander Petersons (Giddens), John Mann, Wayne Pygram, John Dicks

Soggetto

una barca alla deriva con due cadaveri e un bambino, Richard, ancora vivo viene avvistata e issata a bordo di una goletta nel mare delle Maldive. Poiché sulla nave sta dilagando il colera, il capitano, per salvare la passeggera Sarah Hargrave e la sua bionda bambina Lilli, decide di metterle in salvo su una scialuppa insieme al piccolo Richard. Dopo alcuni giorni, la barca approda su di un'isola boscosa, dopo che la Sarah ha coraggiosamente colpito e buttato a mare il marinaio ai remi, che voleva, durante la navigazione, eliminare i bambini. L'ardita donna si trova a lottare con loro per sopravvivere, fino a quando, dopo alcuni anni muore di polmonite. Ormai adolescenti Richard e Lilli, conservano in cuor loro l'amore per la defunta e nella memoria i suoi molti e saggi consigli. Ora badano a se stessi: pesce, banane e papaya li sfamano e c'è acqua in abbondanza. Poi viene il momento della scoperta del sesso, con le relative pulsioni e qualche naturale inconveniente: il tutto nella massima naturalezza. Frattanto giunge un veliero: il capitano e i suoi sbarcano nell'isola a far provvista d'acqua. Mentre Sylvia, la figlia del capitano tenta di sedurre Richard, uno dei marinai cerca di insidiare Lilli. Sopraggiunge Richard che lotta con lui ed il manigoldo, inseguendolo e sparando, finisce nelle fauci di un pescecane. Disgustati per questi avvenimenti, nonostante l'insistenza di Milliard di portarli con sé, Richard e Lilli. ormai in attesa di un figlio. preferiscono rimanere nella loro isola.

Valutazione Pastorale

la vicenda è imperniata più che sull'elemento avventuroso, sull'ambiente prodigo di bellezze naturali e di risorse per la sopravvivenza. Il paesaggio, le onde gigantesche ed il cielo azzurro che, a parte gli uragani, incombono sull'Eden primitivo sono fotografati con validità. La scoperta dell'amore e della maternità da parte dei due protagonisti è trattata con pudore e con sufficiente delicatezza, senza patemi d'animo, né morbosità. Tuttavia il film resta, a parte le buone intenzioni, lento e melenso.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film