ROCK OF AGES

Valutazione
Futile, grossolanità
Tematica
Cinema nel cinema, Musica
Genere
Musicale
Regia
Adam Shankman
Durata
123'
Anno di uscita
2012
Nazionalità
Stati Uniti
Distribuzione
Warner Bros Pictures Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Justin Thereux, Chris D'Arienzo, Allan Loeb tratto dall'omonimo musical ideato da Chris D'Arienzo
Musiche
Adam Anders, Peer Astrom
Montaggio
Emma R. Hickox

Orig.: Stati Uniti (2012) - Sogg.: tratto dall'omonimo musical ideato da Chris D'Arienzo - Scenegg.: Justin Thereux, Chris D'Arienzo, Allan Loeb - Fotogr.(Scope/a colori): Bojan Bazelli - Mus.: Adam Anders, Peer Astrom - Montagg.: Emma R. Hickox - Dur.: 123' - Produz.: Matt Weaver, Scott Prisand, Carl Levin, Tobey Maguire, Garret Grant, Jennifer Gibgot, Adam Shankman.

Interpreti e ruoli

Julianna Hough (Sherrie Christian), Diego Boneta (Drew Boley), Paul Giamatti (Paul Gill), Malin Akerman (Constance Sack), Russell Brand (Lonnie Barnett), Mary J. Blige (Justice Charlier), Alec Baldwin (Dennis Dupree), Tom Cruise (Stacee Jaxx), Catherine Zeta-Jones (Patricia Whitmore), Bryan Cranston (Sindaco Mike Whitmore), Will Forte (Mitch Miley), Veronica Barry Louise) (Beth), Erica Frene .

Soggetto

Los Angeles, 1987. I giovani Drew e Sherry si conoscono in un famoso locale: lui lavora al bar, lei è appena arrivata dalla provincia. Fanno amicizia e insieme si propongono di fare ogni tentativo per arrivare al successo, come cantante lei come musicista con la sua band, lui. Il cammino dei due all'interno del locale è pieno di difficoltà e previsti. E' necessario mettere in conto compromessi, delusioni, sconfitte piccole e grandi. Sulla strada appare anche Stacee Jaxx, il re indiscusso della musica rock, figura carismatica per il pubblico. Inevitabili equivoci arrivano a rovinare il rapporto tra Drew e Sherry. Ci vogliono pazienza e molta grinta prima che tra i due tornino a prevalere i sentimenti veri.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una vicenda che recupera lo stile del 'musical' tradizionale (quando i protagonisti interrompono l'azione e la proseguono cominciando a cantare). In più qui anche il soggetto è tutto incentrato sulla musica, creando una sorta di 'genere nel genere'. L'obiettivo è disegnare la radiografia del frenetico mondo musicale californiano alla fine degli anni Ottanta, tra indecisioni, incertezze e l'affacciarsi su nuove forme musicali. Non c'è dubbio che lo spettacolo è ampio, dinamico, ricco. Dentro una rutilante cornice però, si muovono tutte le più prevedibili e scontate situazioni: dagli imbarazzi delle ragazzina che arriva dalla provincia, al bieco manager che inganna l'inesperto ragazzo al proprietario del locale che fa outing nei confronti del suo braccio destro, e via elencando. Bene le musiche dunque, bene anche alcune coreografia ma copione prolisso, faticoso con alcuni passaggi sopra le righe nelle oltre due ore di durata per un film che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come futile e segnato da grossolanità.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, forse pensando più ad appassionati di musica rock. Attenzione è da tenere comunque per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film