SBUCATO DAL PASSATO

Valutazione
Accettabile, brillante
Tematica
Amicizia, Famiglia - genitori figli, Solidarietà-Amore
Genere
Commedia
Regia
Hugh Wilson
Durata
106'
Anno di uscita
2000
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Blast from the past
Distribuzione
Medusa Film
Soggetto e Sceneggiatura
Bill Kelly, Hugh Wilson Bill Kelly
Musiche
Steve Dorff
Montaggio
Don Brochu

Orig.: Stati Uniti (1998) - Sogg.: Bill Kelly - Scenegg.: Bill Kelly, Hugh Wilson - Fotogr.(Scope/a colori): Josè Luis Alcaine - Mus.: Steve Dorff - Montagg.: Don Brochu - Dur.: 106' - Produz.: Renny Harlin, Hugh Wilson.

Interpreti e ruoli

Brendan Fraser (Adam Webber), Alicia Silverstone (Eva), Christopher Walken (Calvin Webber), Sissy Spacek (Helen Webber), Dave Foley (Troy)

Soggetto

A Los Angeles nel 1962 incombono la crisi cubana e le notizie sulla possibile guerra nucleare. Di fronte a questi pericoli, e in seguito ad una misteriosa esplosione avvenuta vicino casa, Calvin Webber, ingegnere fantasioso, non esita a chiudere se stesso e la moglie Helen incinta in un bunker antiatomico. Qui nasce Adam e qui trascorre l'esistenza della famigliola. Passano 35 anni prima che Calvin ritenga che é giunto il momento di andare a vedere 'fuori'. Rientra, dice che é ancora presto per uscire ma poi ha un infarto. Adam allora decide di uscire da solo. Nella Los Angeles del 1997, Adam cammina come un pesce fuor d'acqua. Soldi vecchi e figurine dei giocatori di baseball gli creano le condizioni per conoscere Eva, bionda irascibile che non trova un impiego stabile. Adam propone a Eva di lavorare per lui, di aiutarlo a comprare le cose che la madre gli ha indicato. Poi Eva va a cena con Troy, in un locale Adam attira l'attenzione di altre ragazze e Eva si arrabbia. Approfittando dei suoi strani comportamenti, Eva chiama gli assistenti sociali che vorrebbero portare via il ragazzo. Ma Adam ha delle vecchie azioni del padre che oggi valgono moltissimo. Le vende, e finalmente i due possono stare insieme e sposarsi. Allora Adam porta fuori i genitori e dice al padre che non c'è mai stata alcuna eplosione nucleare. Eva dalla finestra di casa vede Calvin che ricomincia a pensare a qualche nuova invenzione.

Valutazione Pastorale

Una commedia spigliata e divertente, che, come tante, recupera il canovaccio del viaggio in epoche diverse con tutti gli equivoci, gli imbarazzi, le domande che seguono il sovrapporsi di momenti temporali diversi. E' simpatica l'ironia sugli eccessi di paura dell'ingegnere folle Calvin; é aggraziata la descrizione di quella vita chiusa nel bunker, come se niente fosse; é ben condotta la schermaglia sentimentale tra i due Adam e Eva, i primi a ritrovarsi, i primi a cominciare una nuova vita. Il finale naturalmente é prevedibile, ma questo non impedisce alla storia di farsi seguire proprio grazie ad una narrazione sciolta, misurata, accattivante, soprattutto indovinata nella ricostruzione degli anni '60. Nell'insieme dunque un prodotto del tutto gradevole, una commedia che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile e complessivamente brillante. UTILIZZAZIONE: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e in altre occasioni come proposta di spettacolo distensivo e piacevole.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film