SCARY MOVIE

Valutazione
Inaccettabile, volgare
Tematica
Giovani
Genere
Grottesco
Regia
Keenen Ivory Wayans
Durata
91'
Anno di uscita
2000
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Scary movie
Distribuzione
Buena Vista International Italia
Musiche
David Kitay
Montaggio
Mark Helfrich

Orig.: Stati Uniti (2000) - Sogg. e scenegg.: Shawn Wayans & Marlon Wayans, Buddy Johnson & Phil Beauman, Jason Friedberg &Aaron Seltzer - Fotogr.(Panoramica/a colori): Francis Kenny - Mus.: David Kitay - Montagg.: Mark Helfrich - Dur.: 91' - Produz.: Eric L.Gold, Lee R.Mayes - VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI.

Interpreti e ruoli

Carmen Electra (Drew), Dave Sheridan (Doofy), Anna Faris (Cindy), Jon Abrahams (Bobby), Regina Hall (Brenda), Marlon Wayans (Shorty), Shannon Elizabeth (Buffy), Cheri Oteri (Gail Hailstrom), Susan Shears . (la giornalista)

Soggetto

Una studentessa sola in casa riceve una telefonata misteriosa da qualcuno che comincia a minacciarla. La ragazza comincia a correre fuori, in giardino, fino a quando non ha più forza per opporsi e finisce per essere uccisa dallo spietato assassino. L'omicidio scuote la tranquillità del locale college. Da questo momento un gruppo di studenti, un po' impauriti un po' incuriositi, comincia parlare di questo avvenimento. Convinti che tra loro si nasconda un omicida, la più attiva Cindy e poi gli altri Buffy, Brenda, Bobby, Greg, Shorty e Ray mettono in atto strategie per difendersi da eventuali pericoli e per fare in modo che il colpevole sia smascherato. Sul posto poi arriva l'inviata Gail Hailstrom, che vuole sapere tutto e non ne vuole sapere di allontanarsi. Questi scontri, tra chi cerca di nascondersi e chi cerca di scoprire la verità, mettono in atto una serie di equivoci, incomprensioni, battibecchi e confusione a non finire. Dietro la maschera dell'attentatore, si muove la pazzia schizoide di un confuso rimescolatore di immagini viste al cinema e in televisione.

Valutazione Pastorale

Il sottotilo italiano recita: "Senza paura, senza vergogna...senza cervello!" Con l'aggiunta che la commedia sopra le righe prende a prestito i miti giovanili di oggi per rivoltarli, metterli in burla, farne oggetto di una storia priva di inizio e di fine, costruita sulle suggestioni narrative di alcuni dei maggiori successi cinematografici americani degli ultimi anni nel genere horror, fanta-horror, demenziale. C'é in realtà poco altro da aggiungere, se non la considerazione che si tratta di un cinema povero di idee e di qualità che divora se stesso all'apparenza per mettersi in burla ma in realtà per darsi più importanza, raddoppiare la propria presenza, rendersi indispensabile agli occhi dello spettatore (é come se questo film dicesse: per vedere me, devi aver visto tutti gli altri film di cui faccio la parodia. Se non lo hai fatto, provvedi subito). Il collage sulla pelle degli altri titoli avviene poi all'insegna di una goliardia trasandata e trucida: una gara a creare solo situazioni una più pesante e scurrile dell'altra. Non c'é veramente di più, e se qualche risata può scattare, l'insieme mostra fantasia limitata e situazioni per niente divertenti. Dal punto di vista pastorale, l'insistere su una irriverenza e su doppi sensi fini a se stessi rende il film volgare e decisamente inaccettabile. UTILIZZAZIONE: il film é da escludere sia dalla programmazione ordinaria sia da altri tipi di proposte.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film