SFIDA TRA I GHIACCI

Valutazione
Inaccettabile, Violento
Tematica
Genere
Avventuroso
Regia
Steven Seagal
Durata
102'
Anno di uscita
1994
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
ON DEADLY GROUND
Distribuzione
Warner Bros Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Ed Horowitz, Robin U. Russin
Musiche
Basil Poledouris
Montaggio
Robert A. Ferretti, Don Brochu

Sogg. e Scenegg.: Ed Horowitz, Robin U. Russin - Fotogr.: (scope/a colori) Ric Waite - Mus.: Basil Poledouris - Montagg.: Robert A. Ferretti, Don Brochu - Dur.: 102' - Produz.: Steven Seagal, Julius R. Nasso, A. Kitman Ho

Interpreti e ruoli

Steven Seagal (Forrest Taft), Michael Caine (Michael Jennings), Joan Chen (Masu), John C.Mc Ginley (Mac Gruder), Irvin Brink (Silook), Richard Hamilton (Hugh Palmer), Steven-Ole Thorsen (Otto), R. Lee Ermey, Shari Shattuck, Billy Bob Thornton, John Trudell, Mike Starr, Todd Beadle

Soggetto

la compagnia petrolifera Aegis Oil ha parecchi problemi con i suoi pozzi in Alaska. Il suo esperto di incendi, Forrest Taft, nello spegnere un pozzo, si accorge che i preventori antincendio sono difettosi, cosa di cui il presidente della compagnia Michael Jennings, incolpa il caposquadra Hugh Palmer. Le giuste reazioni di questi inducono Jennings ad eliminarlo con l'aiuto del suo accolito Mac Gruder, senza tuttavia ottenere il floppy disc e il diario in cui i sabotaggi sono documentati. Dopo una burrascosa conferenza stampa sulla prossima apertura del mega impianto Aegis 1, durante la quale una giovane giornalista inuit, Masu, ha imbrattato per protesta col petrolio l'abito di Jennings, costui porta Forrest ad un pozzo danneggiato ad arte e minato, dove è stato nascosto il cadavere di Hugh. Taft, scampato miracolosamente all'esplosione, viene soccorso e portato ad un campo Inuit: qui ritrova la bella Masu, che è figlia del capo Silook, che lo cura e lo inizia ai segreti sciamanici col compito di fermare Jennings. In assenza di Taft, alcuni uomini della Aegis giungono nel villaggio e uccidono Silook. Dopo aver trovato il floppy disc e il diario di Hug ed aver eliminato gli uomini mandati da Jennings per ucciderlo, Taft fugge a cavallo con Masu, e dopo aver abbattuto un elicottero facendo saltare il suo rifugio montano, braccato da un manipolo di mercenari ingaggiati da Jennings, riesce a decimarli. Nella raffineria, dopo una nutrita serie di sparatorie, uccisioni e violenze di vario genere, avviene lo scontro con Jennings, che muore. Alla conferenza stampa sulla vicenda, Forrest propugna un futuro ecologico dove le compagnie non abbiano più la possibilità di manipolare l'ambiente a loro piacimento.

Valutazione Pastorale

la bellezza del paesaggio e la "predica" ecologista finale non bastano certo a compensare la violenza, davvero debordante, del film. Ossa frantumate, teste trapassate da pugnali, e una nutrita schiera di cadaveri ottenuta con quasi tutte le armi da fuoco, costellano questo prodotto diretto dal monocorde Seagal. Film fracassone e roboante che affronta il problema delle minoranze etniche, braccate dalle multinazionali avanzanti con le loro macchine infernali, con la tipica sicumera e superficialità americana. Gli ingredienti classici desunti soprattutto dal western, come la scazzottatura nel bar o l'inseguimento a cavallo, o dal filone spettacolare, sono qui trattati con grossolana pacchianeria. Joan Chen, reduce da ben altre prove, fa del suo meglio accanto a Seagal "statua di sale"; Michael Caine partecipa maldestramente all'avventura. Efficaci la fotografia e la colonna sonora di Poledouris.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film