SHALL WE DANCE ?

Valutazione
Accettabile, brillante
Tematica
Danza, Matrimonio - coppia
Genere
Commedia
Regia
Peter Chelsom
Durata
106'
Anno di uscita
2004
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Shall we dance ?
Distribuzione
01 Distribution
Soggetto e Sceneggiatura
Audrey Wells ispirato al film giapponese "Dansu Wo Shimasho Ka" di Masayuki Suo
Musiche
Gabriel Yared, John Altman
Montaggio
Charlie Ireland

Orig.: Stati Uniti (2004) - Sogg.: ispirato al film giapponese "Dansu Wo Shimasho Ka" di Masayuki Suo (1996) - Scenegg.: Audrey Wells - Fotogr.(Panoramica/a colori): John De Borman - Mus.: Gabriel Yared, John Altman - Montagg.: Charlie Ireland - Dur.: 106' - Produz.: Simon Fields.

Interpreti e ruoli

Richard Gere (John Clark), Jennifer Lopez (Paulina), Susan Sarandon (Beverly Clark), Stanley Tucci (Link Peterson), Lisa Ann Walter (Bobbie), Bobby Cannavale (Chic), Omar Benson Miller (Vern), Anita Gilette (miss Mitzi), Richard Jenkins (detective Devon), Nick Cannon . (Scotty)

Soggetto

A Chicago una sera l'avvocato John Clark decide di fare quello che non aveva mai fatto: entra nell'appartamento che da tempo osservava dal finestrino del treno e si iscrive ad una scuola di ballo. Scopre così un mondo nuovo, fatto di musica, passione, esercizio fisico e dove tra le insegnanti c'é la bella Paulina. Dopo le prime, disastrose lezioni, John prende confidenza, diventa più sciolto e scopre che anche Link, un suo collega, si allena al ballo sotto un travestimento che lo rende irriconoscibile. John non rivela niente alla moglie Beverly nel timore che lei lo creda insoddisfatto del loro matrimonio. Ma il suo insolito comportamento spinge la donna a rivolgersi ad un detective. Grazie alla indagini, Beverly si presenta tra il pubblico con la figlia nel giorno in cui John scende in pista per la gara decisiva della stagione. I due litigano. Ma lui il giorno dopo si fa perdonare portando una rosa alla moglie vestito in perfetto smiking. Pauline va a Blackpool per i campionati di ballo. E joh, passando con il treno, torna ad osservare la finestra della scuola.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una commedia leggera (remake di un film giapponese del 1996) incentrata sulla scoperta della danza da parte di un serio e compassato professionista. Tale 'scoperta' é all'inizio incoraggiata dalla presenza dell'affascinante insegnante e dal bisogno di evasione dalla routine. Dopo equivoci e incomprensioni, tutto si appiana, ma nel frattempo il racconto ha dato spazio ad un sorta di 'spot' (peraltro misurato e simpatico) sul ballo come occasione di socializzazione, di amicizia, di alternativa alla vita sedentaria. Ne deriva una favoletta moderna tutto sommato gradevole e gentile, con frivolezze scoperte e motivate. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come accettabile e nell'insieme brillante. UTILIZZAZIONE: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria, e proposto come occasione di svago di immediata fruizione, anche nell'ambito del rapporto con la danza.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film