STREGATI DALLA LUNA

Valutazione
Inconsistente, banalità
Tematica
Amicizia
Genere
Farsesco
Regia
Nicola Pistoia, Pino Ammendola
Durata
92'
Anno di uscita
2001
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Columbia Tristar Films Italia
Musiche
Claudio Guidetti
Montaggio
Patrizio Marone

Orig.: Italia (2000) - Sogg. e scenegg.: Pino Ammendola, Nicola Pistoia dal proprio testo teatrale - Fotogr. (Panoramica/a colori): Giuseppe Ruzzolini - Mus.: Claudio Guidetti - Montagg.: Patrizio Marone - Dur.: 92' - Produz.: Rita Rusic Company.

Interpreti e ruoli

Nicola Pistoia (Giuliano), Pino Ammendola (Dario), Maurizio Casagrande (Carlo), Maria Grazia Cucinotta. (Miriam), Megan Gale (Viviana), Sergio Fiorentini (maresciallo Giordani), Maurizio Aiello, Fioretta Mari ., Gianni Musy, Maria Mazza.

Soggetto

A Napoli, Dario e Carlo gestiscono senza troppa fortuna un ristorante specializzato nella cucina francese. A lavorare con loro c'é Massimo, cameriere poco fidato più incline alla compagnia femminile che non al lavoro. E' però un giorno speciale: fervono infatti i preparativi per la cena di fidanzamento fra il carabiniere Giuliano e la poliziotta Miria. Tutto sembra procedere come previsto, quando arriva il fatto inatteso. Miria in uno slancio di generosità confessaa Giuliano di avere avuto tempo addietro una rapida storia con un collega della Digos. L'assicurazione che è roba vecchia non basta a Giuliano che manda tutto a monte. Il matrimonio non si fa più, e la cena preparata con tanta cura rischia di essere inutile. Ad una certa ora comunque Dario, Carlo, Massimo e Giuliano si mettono a tavola, cercando di non pensarci. Nel ristorante all'improvviso entra una bellissima ragazza. Arrivata a Napoli solo nel pomeriggio, ha subito il furto della macchina e sta fuggendo da qualcuno che non vuole incontrare. La donna si ferma e, dopo un po', Massimo capisce di chi si tratta: é Luna, una pornodiva. A lei non piace essere stata scoperta, e allora si diverte a giocare con quegli uomini che si vede benissimo spasimano per lei. Quando ritrova la macchina, Luna riparte e li lascia tutti a bocca aperta.

Valutazione Pastorale

Tratto dalla commedia teatrale "Uomini stregati dalla luna" scritta e recitata dagli stessi Pino Ammendola e Nicola Pistoia, il film é veramente insipido e insignificante. I due autori-registi riescono a vanificare qualunque possibile spunto divertente, cadendo nelle secche di una totale assenza di ritmo. Manca tutto per dare un po' di sprint e di vivacità alla storia: si resta a metà tra immagini e teatro filmato e la noia cala ben presto sulla vicenda. Anche la verve di qualche interprete resta impantanata nella lentezza, nella abulia, nello scadente umorismo di molti dialoghi. Dal punto di vista pastorale, il film é senz'altro da collocare nella valutazione dell'inconsistente, per la sua piattezza costante e per le banalità che lo caratterizzano. UTILIZZAZIONE: sia in programmazione ordinaria sia in altri contesti, l'utilizzazione può essere trascurata.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film