SUNSHINE CLEANING

Valutazione
Consigliabile, realistico
Tematica
Donna, Famiglia - fratelli sorelle, Famiglia - genitori figli, Lavoro
Genere
Commedia
Regia
Christine Jeffs
Durata
90'
Anno di uscita
2010
Nazionalità
Stati Uniti
Distribuzione
Videa/CDE
Musiche
Ronald J. Webb
Montaggio
Heather Persons

Orig.: Stati Uniti (2008) - Sogg. e scenegg.: Megan Holley - Fotogr.(Panoramica/a colori): John Toon - Mus.: Ronald J. Webb - Montagg.: Heather Persons - Dur.: 90' - Produz.: Jeb Brody, Peter Saraf, Marc Turtletaub, Glenn Wilkinson.

Interpreti e ruoli

Amy Adams (Rose Lorkowsky), Emily Blunt (Norah Lorkowsky), Steve Zahn (Mac), Alan Arkin (Joe Lorkowski), Mary Lynn Rajskub (Lynn), Eric Christian Olsen (Randy), Clifton Collins jr. (Winston), Maddie Corman (Mousy), Kevin Chapman (Carl)

Soggetto

Ad Albuquerque, Rose si vede costretta a mandare l'irrequieto figlioletto Oscar ad una scuola privata. Per guadagnare i soldi necessari, decide, insieme alla sorella Norah, di dare un nuovo impulso al lavoro di pulizia delle case. Mettono così in piedi una ditta che si propone di 'bonificare le scene del crimine'. La cosa sembra prendere piede, e gli affari vanno bene, fin quando Norah, distratta, fa prendere fuoco ad un appartamento. Quando tutto sembra finito, Joe, l'anziano padre delle ragazze, si fa avanti e regala a Rose il furgone per riprendere l'attività.

Valutazione Pastorale

Torna in primo piano la sterminata America amara delle periferie, quella dove non si vede un grattacielo ma solo campi, strade lunghe, periferie. E case, spesso basse, dentro le quali si nascondono profonde ferite esistenziali. In questo scenario vasto e inafferrabile, i nervi scoperti di carenze affettive e sentimentali vengono in superficie ed esplodono, al pari dell'incendio che brucia l'appartamento del cliente. Bisogna andare avanti tra pianti strozzati e singhiozzi, tra commozione e lacrime di gioia. Commedia della vita, commedia di tutti: la regista accarezza con delicatezza i profili interiori delle due protagoniste e li supporta con la dolente, caritatevole figura del padre. Qualcosa c'è, non tutto è perduto. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile, e nell'insieme realistico.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria, e in seguito come ritratto aspro delle zone americane fuori dalle metropoli. Qualche attenzione é da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film