TENERAMENTE IN TRE

Valutazione
Accettabile-riserve, Realistico
Tematica
Genere
Drammatico
Regia
Robert Harmon
Durata
95'
Anno di uscita
1991
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
THE TENDER
Distribuzione
Artisti Associati International
Soggetto e Sceneggiatura
Robert Stitzel
Musiche
Randy Edelman
Montaggio
Donn Cambern, Zach Staenberg

Sogg. e Scenegg.: Robert Stitzel - Fotogr.: (scope/a colori) Theo Van De Sande - Mus.: Randy Edelman - Montagg.: Donn Cambern, Zach Staenberg - Dur.: 95' - Produz.: Michael Phillips, Chris Chesser

Interpreti e ruoli

John Travolta (Bobby), Ellie Raab (La bambina), Tito Larriva (Cissy), Richard Edson (Goon), Vincent Guastaferro (Georgie), Jeffrey De Munn, Liza Ziegler, Gene Lebell

Soggetto

a Chicago, dopo la morte per overdose dell'amata moglie Brenda, Bobby è depresso, e incapace sia di trovare un lavoro serio che di occuparsi nel modo giusto della sua bambina decenne, che è molto più saggia di lui. Egli accetta, per vivere, qualche lavoretto illegale, mentre la piccola confida le sue preoccupazioni al coetaneo Alan, unico amico. Il fratello di Brenda, Cissy, che è un malavitoso, organizza un combattimento illegale fra due cani, sui quali vengono fatte grosse scommesse, e il perdente, un bel doberman, viene buttato dal proprietario nel fiume, perché creduto spacciato. Ma il cane si salva, invece, e viene trovato, curato e sfamato dalla bambina, alla quale si affeziona in modo tale da seguirla dovunque. In seguito Cissy nomina Bobby suo "esattore" nei bar della zona, e il cognato consegna onestamente la cifra riscossa, alla fine del suo primo giorno di lavoro, ma gli scagnozzi di Cissy lo accusano d'aver rubato 300 dollari e lo picchiano brutalmente. In realtà Cissy, che non ha fiducia nel cognato come padre, vorrebbe prendere con sé la nipotina, e per ottenere questo ha ordito l'imbroglio. Ma Bobby fugge con la bambina, dirigendosi verso Los Angeles, dove vive suo fratello Georgie, dal quale spera aiuto. Al momento della partenza, Bobby ha costretto la figlia ad abbandonare l'arnatissimo cane, ma l'animale riesce a liberarsi, e insegue la bambina. Stavolta Bobby ha rubato davvero dei soldi al cognato, e anche l'auto, con la quale lavorava. Georgie accoglie con scarso entusiasmo il fratello, e gli propone dei lavori, che quello rifiuta, cosicché i due litigano e Bobby se ne va con la figlia, ma viene derubato della macchina e poco dopo la piccola scompare, ma presto viene ritrovata insieme al cane, che l'ha finalmente raggiunta. Poiché la nipotina rifiuta di andare a vivere a Chicago con Cissy, questi, che è giunto in Califomia, offre di salvare Bobby dalla prigione per furto se la piccola consentirà a far combattere il suo cane in un incontro pericoloso, e la bimba sul principio accetta per proteggere il padre, ma poi, all'inizio del combattimento corre a salvare il doberman, che si avventa su Cissy azzannandolo alla gola. Bobby libera il cognato dalla terribile presa: ora i due sono pari, e Bobby, la bimba e il cane vivranno insieme felici, anche se con pochi soldi.

Valutazione Pastorale

un film deludente, basato su di un eccessivo sentimentalismo, con una trama i cui sviluppi non reggono e nessuna situazione è approfondita. Si oscilla così fra i problemi del padre immaturo, e le imprese malavitose del cognato Cissy, il quale mette in moto un piano piuttosto incredibile per impadronirsi della nipotina, mentre si può osservare che le scene dei feroci combattimenti fra cani, che dovrebbero costituire uno dei punti salienti della vicenda, vengono accuratamente evitate. La regia e la recitazione degli attori sono scadenti specialmente Travolta è inefficiente. Il linguaggio spesso grossolano motiva le riserve della valutazione.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film