THE BOURNE ULTIMATUM – Il ritorno dello sciacallo

Valutazione
Accettabile, crudezze **
Tematica
Spy-story
Genere
Azione
Regia
Paul Greengrass
Durata
120'
Anno di uscita
2007
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The Bourne Ultimatum
Distribuzione
Universal Pictures International Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Tony Gilroy, Tom Stoppard, Paul Attanasio, George Nolfi tratto dal romanzo "Il ritorno dello sciacallo" di Robert Ludlum
Musiche
John Powell
Montaggio
Christopher Rouse

Orig.: Stati Uniti (2007) - Sogg.: tratto dal romanzo "Il ritorno dello sciacallo" di Robert Ludlum - Scenegg.: Tony Gilroy, Tom Stoppard, Paul Attanasio, George Nolfi - Fotogr.(Scope/a colori): Oliver Wood - Mus.: John Powell - Montagg.: Christopher Rouse - Dur.: 120' - Produz.: Patrick Crowley, Paul Sandberg, Frank Marshall.

Interpreti e ruoli

Matt Damon (Jason Bourne), David Strathairn (Noah Vosen), Paddy Considine (Sam Ross), Edgar Ramirez (Paz), Julia Stiles (Nicky), Joan Allen (Pamela Landy), Brian Cox (Ward Abbott), Daniel Bruhl (John St. Jacques), Tom Gallop (Tom Cronin), Albert Finney, Scott Glenn

Soggetto

Jason Bourne, agente della CIA, è riuscito a capire che il suo vero nome è David Webb. Ma il problema non si esaurisce qui. C'è ancora da chiarire chi è veramente l'uomo Jason. Così si vede costretto a gettarsi in una serie di vorticose azioni di disturbo, tutte ruotanti inorno all'evoluzione di un progetto segreto finalizzato a creare assassini su commissione. Ma i colpevoli vengono assicurati alla giustizia.

Valutazione Pastorale

Siamo al terzo capitolo, dopo "The Bourne Identity" (2002) e "The Bourne Supremacy" (2004). Restiamo nel genere action-thriller, tra spie, controspie, doppiogiochisti, scambi di identità. Il connubio tra fantasia e realtà si risolve in un racconto che in realtà racconta poco e dove a farla da padroni sono gli effetti speciali. Il regista manovra con efficacia le riprese e il montaggio, creando un ritmo incalzante, senza tregua, senza possibilità di fermarsi a pensare. Lo spettacolo é ad alto livello, eppure alla fine esagerato. La forma prevale sull'azione, anzi la condiziona. Un film di convincente intrattenimento che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come accettabile, e segnato da alcune crudezze. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria con attenzione per la presenza dei più piccoli. Stessa cura è da tenere in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film