THE NIGHT FLIER

Valutazione
Inaccettabile, truculento
Tematica
Genere
Horror
Regia
Mark Pavia
Durata
98'
Anno di uscita
1997
Nazionalità
Stati Uniti (1997)
Titolo Originale
STEPHEN KING'S - THE NIGHT FLIER
Distribuzione
Medusa Film
Soggetto e Sceneggiatura
Mark Pavia, Jack O' Donnel è tratto dal racconto "Il volatore notturno" di Stephen King
Musiche
Brian Keane

Orig.: Stati Uniti 1997) - Sogg.: è tratto dal racconto "Il volatore notturno" di Stephen King - Scenegg.: Mark Pavia, Jack O' Donnel - Fotogr.: (Normale/a colori) David Connel - Mus.: Brian Keane - Mon-tagg.: Elizabeth Schwartz - Dur.: 98' - Produz.: Richard P. Rubinstein, Mitchell Galin - Distribuz.: Medusa Film (1997) VIETATO AI MINORI DI 14 ANNI

Interpreti e ruoli

Miguel Ferrer (Richard Dees), Julie Entwisle (Katherine Blair), Dan Monahan (Merton Renfield), John Bennes (Ezra Hannon), Beverly Skinner (Selida Mc Canon), Rob Wilds (Buck Kendall), Richard Olsen, Eli-zabeth Mc Cormick, J.R. Rodriguez, Bob Casey, Ashton Stewart, William Neely, Rachel Lewis.

Soggetto

Un misterioso personaggio che si fa chiamare Dwight Renfield atterra di notte in piccoli ed isolati campi di aviazione, uccidendo persone con mostruose ferite al collo. Merton Morrison, direttore di un giornale scandalistico, affida il caso all'esperto reporter Richard Dees, uomo freddo e senza scrupoli, che però sul momento si disinteressa e passa il compito ad una giovane collega, Katherine. Quando le vittime continuano, Dees capisce che può fare qualche grosso colpo e decide di tornare in gioco ma si scontra con Katherine che non vuole intromissioni. Dees tuttavia, esaminando i vari delitti e usando violenza sui testimoni, arriva a trovare la soluzione. Nello scontro decisivo con Renfield, subisce però la peggio, viene ucciso brutal-mente, e quando Katharine arriva sul posto, prende nota di tutto e scrive il pezzo, che viene pubblicato in esclusiva in prima pagina.

Valutazione Pastorale

tratto ancora una volta da un racconto di Stephen King, il film appartiene al genere del 'serial killer', è quindi un horror dove le uccisioni efferate si sprecano e il sangue gratuito scorre a fiumi. Vi si affianca il problema del giornalismo scandalistico denunciato come mostro e quindi pericolo per la società. Ma la notazione è troppo leggera per far sì che il film possa in qualche maniera sollevarsi dal clima di violenza compiaciuta in cui è calato dall'inizio alla fine. Dal punto di vista pastorale, va anche valutata l'influenza negativa che il film può avere su persone più sensibili, e quindi è da considerare inaccettabile. Utilizzazione: è da escludere l'utilizzazione sia in programmazione ordina-ria sia in altri contesti, essendo nella storia l'aspetto truculento troppo preva-lente rispetto ad altre considerazioni.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film