THE TEN – I dieci comandamenti come non li avete mai visti

Valutazione
Inconsistente, volgare
Tematica
Il comico
Genere
Farsesco
Regia
David Wain
Durata
93'
Anno di uscita
2008
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
The Ten
Distribuzione
Delta Pictures
Musiche
Craig Wedren
Montaggio
Eric Kissack

Orig.: Stati Uniti (2007) - Sogg. e scenegg.: David Wain, Ken Marino - Fotogr.(Panoramica/a colori): Yaron Orbach - Mus.: Craig Wedren - Montagg.: Eric Kissack - Dur.: 93' - Produz.: Ken Marino, David Wain, Paul Rudd.

Interpreti e ruoli

Paul Rudd (Jeff Reigert), Adam Brody ( il narratore), Famke Janssen (Stephen Montgomery), Bobby Cannavale (Gretchen Reigert), Ken Marino (Marty McBride), A.D. Miles (Glenn Richie), Gretchen Moll (Oliver Jennings), Oliver Platt (Gloria Jennings), Winona Ryder (Marc Jacobson), Liev Schreiber (Kelly La Fonda), Justin Theroux (Ray Johnson), Ron Silver (Jesus), Joe Lo Truglio (Fielding Barnes), Jessica Alba (Paul Mardino)

Soggetto

Jeff Reigert appare davanti alla m.d.p. e annuncia che presenterà dieci storie ispirate ai 10 Comandamenti. Tra l'una e l'altra, assistiamo ai problemi coniugali di Jeff. Appare la moglie Gretche, i due litigano, lui la offende, la lascia per un'amante più giovane, Liz, poi la ritrova, provano a tornare insieme. E le storie? Un ragazzo si getta dall'aereo senza paracadute e resta piantato per terra. Gloria va in vacanza in Messico e scopre le gioie del sesso. Un chirurgo viene condannato all'ergastolo per avere lasciato per scherzo le forbici dentro una paziente che muore. Una donna si innamora della marionetta di un ventriloquo. Una madre bianca deve rivelare ai suoi due gemelli di colore la vera identità del padre. Un rinoceronte si diverte a fare del gossip. Quando la domenica la moglie esce per andare a Messa con i figli, Oliver ne approfitta per stare nudo in casa ad ascoltare musica con amici coinvolti nel divertimento.

Valutazione Pastorale

Inutile riferirli tutti e dieci, perché si tratta di raccontini veramente insulsi e deprimenti. L'intento derisorio è palese ma la stupidità degli episodi è così scoperta da non meritare più di tanto di essere considerata. Il copione vorrebbe essere divertente, ma di quale umorismo si parli é difficile da capire. I meccanismi che dovrebbero fare scattare la risata sono affidati ai soliti equivoci sessuali, doppi sensi, battute grevi, situazioni di stiracchiata e gratuita comicità. Non si ride né si intravede quale tipo di spettatore dovrebbe essere coinvolto da una demenzialità priva di spessore e di personalità. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come inconsistente e nell'insieme volgare.

Utilizzazione

Anche se possibile, decidere di utilizzare il film in programmazione ordinaria o in altre occasioni appare decisamente fuori luogo. Attenzione é da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film