TOMBOY

Valutazione
Complesso, Problematico, Adatto per dibattiti
Tematica
Adolescenza, Amicizia, Educazione, Famiglia - genitori figli
Genere
Drammatico
Regia
Céline Sciamma
Durata
82'
Anno di uscita
2011
Nazionalità
Francia
Distribuzione
Teodora Film
Musiche
Jean Baptiste de Laubier
Montaggio
Julien Lacheray

Orig.: Francia (2011) - Sogg. e scenegg.: Céline Sciamma - Fotogr.(Normale/a colori): Crystel Fournier - Mus.: Jean Baptiste de Laubier - Montagg.: Julien Lacheray - Dur.: 82' - Produz.: Bénédicte Couvreur, Elisabeth Depardieu.

Interpreti e ruoli

Zoé Heran (Laure/Mikael), Maloon Lévana (Jeanne), Jeanne Disson (Lisa), Sophie Cattani (madre di Laure), Mathieu Demy (padre di Laure), Ryan Boubekri (Ryan), Yohan Véro (Vince), Noah Véro (Noah), Cheyenne Lainé (Cheyenne), Christel Baras . (madre di Lisa)

Soggetto

Nel nuovo quartiere dove si è da poco trasferita con i genitori e la sorellina, Laure, dieci anni, fa leva sul proprio aspetto mascolino e fa credere ai coetanei di essere un maschio di nome Mikael: con loro si diverte, gioca a pallone, accetta la compagnia di Lisa. Questa amicizia però va un po' troppo avanti, fino al punto di rivelare l'inganno. Laure deve chiedere scusa a Lisa, ma, dopo qualche incomprensione, può tornare ad essere più sicura di se stessa.

Valutazione Pastorale

Francese, 33 anni, Céline Sciamma accosta un argomento delicato con serenità e misura. Il gioco dell'identità sessuale è forse tra i più frequenti e 'inevitabili', raggiunta l'età dell'adolescenza. La regista lo affronta sotto il profilo del 'doppio', tra incoscienza, divertimento, sfida a se e agli altri. Lo sguardo filmico tenuto lontano da interventi formali e lasciato correre su una visione quasi occasionale di ciò che accade, garantisce l'assenza di elementi precostituiti: e forse i personaggi più deboli nell'economia degli avvenimenti sono la sorellina (troppo 'brava') e il padre (spesso privo di reazioni). Dietro Laure c'è una generazione di coetanei che fa i conti in molti casi con l'assenza di strumenti educativi adeguati. Da qui il racconto, pur mantenendosi in equilibrio tra spunti propositivi e qualche leggerezza, diventa occasione per importanti riflessioni sull'argomento. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come complesso, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e, forse più utilmente, in occasioni mirate per dibattere sui molti spunti che la pellicola propone.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film