UNO SPORCO AFFARE

Valutazione
Inaccettabile, Amorale
Tematica
Genere
Thrilling
Regia
Kristine Peterson
Durata
92'
Anno di uscita
1994
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
THE HARD TRUTH
Distribuzione
Eagle Pictures
Soggetto e Sceneggiatura
Jonathan Tydor
Musiche
Daniel Licht
Montaggio
Kert Vander Meulen

Sogg. e Scenegg.: Jonathan Tydor - Fotogr.: (normale/a colori) Ross Berryman - Mus.: Daniel Licht - Montagg.: Kert Vander Meulen - Dur.: 92' - Produz.: Brad Southwich, Gary Depew

Interpreti e ruoli

Eric Roberts (Chandler Etheridge), Michael Rooker (Jonah Mantz), Lysette Anthony (Lisa Kantrell), Ray Baker (Hamilton Nichols), Don Yesso (Luis Gisors), Jason Schombing (Xylo), Katherine Cortez (Detective Escobido), Yvonne Farrow, Nicholas Cascone., Brian Markinson, Lee Wessof, Douglas Rowe, Charlie Brewer

Soggetto

il poliziotto Jonah Mantz, dopo aver inseguito ed ucciso uno psicopatico pluriomicida, rischiando la vita, offeso per i rilievi dei superiori, si dimette. La sua "donna" Lisa Kantrell, responsabile delle pubbliche relazioni del capo della commissione edilizia locale, Hamilton Nichols, per vendicarsi delle violenze sessuali, sopportate con disinvoltura, cui il capo la sottopone, chiede a Mantz di rubare il denaro che il costruttore mafioso Leandro consegnerà al suo capo dopo aver ottenuto un importante appalto. Jonah va da Xylo, un pregiudicato suo informatore che lo mette in contatto con uno scassinatore inafferrabile, cui fa da ricettatore. Questi, Chandler Etheridge, sfugge a Jonah che, tuttavia, lo rintraccia presso l'azienda di software dove lavora. Ricattato dal poliziotto, l'uomo accetta l'incarico, ma attraverso le foto della cassaforte da svaligiare risale a Lisa, che vi appare riflessa e la molesta nel garage di Jonah, che interviene e lo malmena. Luis Gisors, scherano di Leandro ed ex collega di Jonah, tenta invano di scoprire cosa costui stia tramando, e sorveglia sia lui che Lisa, che frattanto è attratta da Chandler il quale, andato da Xylo a ritirare del denaro, sfugge all'agguato mortale di Gisors grazie all'aiuto di Jonah, che però resta ferito. Chandler gli dà delle pillole per il dolore e il successivo furto riesce. Mentre Nichols sospetta Leandro, Chandler e Jonah si dividono il denaro. Mantz convinto del tradimento dei due complici, ammanetta Etheridge ma, stremato dalla ferita e dalle pillole, viene sopraffatto: Chandler però gli lascia la sua parte prima di raggiungere Lisa, che furibonda vuole invece tutto il denaro. Nasce una lite e la donna spara a Chandler. Mantz, che si è liberato, sarebbe a sua volta ucciso dall'avida donna se Gisors non le sparasse, per recuperare così i soldi di Leandro.

Valutazione Pastorale

nessun dubbio sull'assoluta amoralità di una storia farraginosa, farcita fino al risibile di continui colpi di scena che sono l'ennesima rielaborazione, assai poco plausibile per la verità, di storie del genere. Le licenziosità, anche se girate in modo pedissequo, non mancano; le parolacce e le violenze anche. Nulla si salva in questo quadro sordido e sgangherato. Alla storia del poliziotto valoroso ma troppo violento e quindi bistrattato dai capi si sovrappone la storia della corruzione del medesimo da parte di una bionda fatale. Al che si mescola la figura non certo nuova del criminale e una storia di mafia edilizia e, come se non bastasse, il tradimento della donna che finisce per flirtare col genio del crimine tradendo l'amore del poliziotto. Il carattere, che dovrebbe essere ambiguo e diabolico, della bionda fatale è tratteggiato alla meglio così come assolutamente improbabili sono i furori e gli ardori del poliziotto o le ambigue doti di ladro seduttore e genio del crimine cui tenta invano di dar vitalità Eric Roberts.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film