VADO A SCUOLA

Valutazione
Consigliabile, Problematico, Adatto per dibattiti
Tematica
Adolescenza, Educazione, Famiglia, Povertà-Emarginazione, Scuola
Genere
Documentario
Regia
Pascal Pisson
Durata
75'
Anno di uscita
2013
Nazionalità
Francia
Titolo Originale
Sur le chemin de l'ecole
Distribuzione
Academy Two
Musiche
Laurent Ferlet
Montaggio
Sarah Anderson, Sylvie Lager

Orig.: Francia (2013) - Sogg. e scenegg.: Marie Claire Javoy, Pascal Plisson - Fotogr.(Panoramica/a colori): Simon Watel - Mus.: Laurent Ferlet - Montagg.: Sarah Anderson, Sylvie Lager - Dur.: 75' - Produz.: Barthelemy Fougea per Winds, Ymagis, Herodiade.

Soggetto

Quattro zone geografiche molto lontane tra loro: le savane del Kenya, gli aspri sentieri delle montagne dell'Atlante in Marocco, l'India del Sud, gli altipiani della Patagonia in Argentina. Dentro ciascuna situazione, ecco le difficoltà che alcuni bambini incontrano per raggiungere le rispettive scuole.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una produzione francese che sollecita ancora una volta l'icontro tra documento e finzione. Il "cinema del reale" si definiva una volta una proposta di questo tipo, nella quale la 'realtà' entra prepotente e con dolce insistenza chiede e pretende attenzione, anche a costo di smuovere qualche briciolo di 'invenzione'. Plisson lavora con accortezza sui due versanti, presenta i piccoli protagonisti e subito li lascia liberi di cominciare il loro cammino quotidiano, liberi di essere tutt'uno con una natura bella e matrigna, liberi di coltivare fino all'ultimo il loro sogno di diventare soggetti attivi di un'utopia chiamata istruzione, educazione, crescita come individui e persone. Plisson si limita ad 'osservare', lasciando che l'obiettivo si tenga a doverosa distanza, quella che permette di tenere sullo stesso piano le persone, il mondo animale, gli scenari naturali. Per i bambini la fatica quotidiana diventa naturale confronto con una vita difficile, dove ogni ricchezza è frutto di conquista e sacrificio. L'immagine cresce col procedere della strada verso il traguardo. Si fa visione profonda e inquieta, entra negli sguardi e nelle emozioni dei piccoli, crea le premesse per l'incontro tra le asprezze della cronaca e l'irrompere del 'recitato', del 'costruito', che diventa favola, leggera e adatta a rendere crescente il respiro dell'obiettivo da raggiungere. Non c'è denuncia nell'approccio di Plisson, solo la capacità di una visione asciutta, autentica, commossa. Un ritratto che non ricatta e non condiziona ma mette tutti difronte alle proprie responsabilità, alla necessità 'morale' di non mandare deluse le attese di tanti bambini nel mondo. Bambini che saranno il nostro domani,impossibile da deludere. Per questi motivi il film è da valutare come consigliabile problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione e in molte occasioni successive per avviare riflessioni sui temi importanti e attuali che propone. Anche a livello scolastico e didattico.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film