VERSO IL SUD

Valutazione
Discutibile, ambiguità
Tematica
Donna, Politica-Società, Sessualità
Genere
Drammatico
Regia
Laurent Cantet
Durata
105'
Anno di uscita
2006
Nazionalità
Canada, Francia
Titolo Originale
Vers le sud
Distribuzione
Mikado Film
Soggetto e Sceneggiatura
Laurent Cantet, Robin Campillo basato su tre racconti brevi di Dany Laferriere
Montaggio
Robin Campillo

Orig.: Francia/Canada (2005) - Sogg.: basato su tre racconti brevi di Dany Laferriere - Scenegg.: Laurent Cantet, Robin Campillo - Fotogr.(Panoramica/a colori): Pierre Milon - Mus.: - Montagg.: Robin Campillo - Dur.: 105' - Produz.: Caroline Benjo, Carole Scotta, Simon Arnal, David Reckziegel, John Hamilton.

Interpreti e ruoli

Charlotte Rampling (Ellen), Karen Young (Brenda), Louise Portal (Sue), Menothy Cesar (Legba), Lys Ambroise (Albert), Jackenson Pierre Olmo Diaz . (Eddy)

Soggetto

Isola di Haiti, fine anni '70. In un elegante villaggio vacanze con spiaggia privata convergono alcune signore di età matura, tutte rigorosamente da sole. Sul posto si accompagnano con locali giovani di colore. Uno di questi é Legba, che la 55enne Ellen mantiene, ricevendone favori anche sessuali. Quando sul posto arriva anche Brenda, che con Legba ha avuto un rapporto non dimenticato tre anni prima, le iniziali amicizie tra le signore a poco a poco sfociano in inevitabili rivalità. Intorno il tessuto sociale di Haiti è in ebollizione per i continui soprusi del governo al potere. Messosi con gli oppositori, Legba un giorno viene trovato morto. E le donne assistono al suo funerale.

Valutazione Pastorale

Affermatosi con due titoli di forte impatto sociale ("Risorse umane" e "A tempo pieno"), il francese Laurent Cantet prova a mantenere questa ispirazione, affiancandola però ad un'altra prospettiva e ad un'altro tipo di indagine. Lo scenario è retrodatato alla fine degli anni '70, e in primo piano, almeno all'inizio, ci sono tre donne di età matura che nella solitudine incontaminata di Haiti cercano di dimenticare i loro problemi quotidiani affidandosi alla compagnia di alcuni giovani locali, uno in particolare, Legba. Così, lasciate nelle rispettive città americane, le rivalità sessuali e di affermazione si ripresentano comunque. E a queste si affianca la situazione sociale e politica di Haiti in piena ebollizionee pronta ad esplodere, facendo vittime e dolori. La vacanza erotica come illusoria copertura dei singoli squilibri esistenziali, le fratture sociali tra ricchi e poveri, indifferenza, cinismo, recupero di coscienza. Il quadro dipinto da Cantet non é sempre perfetto, ma mette bene in luce disagi e carenze dei protagonisti. Il richiamo ad una fase storica poco conosciuta è un po' frettoloso e qua e la condiscendente. Ma lascia qualche segno. Dal punto di vista pastorale il film, muovendosi a corrente molto alternata, é da valutare come discutibile e segnato da ambiguità UTILIZZAZIONE: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria con attenzione per la presenza dei minori. Stessa cura é da tenere per i più piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film