VITTORIO RACCONTA GASSMAN – Una vita da mattatore

Valutazione
Consigliabile, Semplice
Tematica
Famiglia, Famiglia - genitori figli, Teatro
Genere
Documentario
Regia
Giancarlo Scharchilli
Durata
79'
Anno di uscita
2011
Nazionalità
Italia
Distribuzione
Medusa Film
Musiche
Nicola Piovani, Pasquale Filastò
Montaggio
Daniel De Rossi

Orig.: Italia (2010) - Sogg. e scenegg.: Giancarlo Scharchilli, Alessandro Gassman - Fotogr.(Panoramica/a colori): Roberto Meddi - Mus.: Nicola Piovani, Pasquale Filastò - Montagg.: Daniel De Rossi - Dur.: 79' - Produz.: Maurizio Carrano per Studio Immagine.

Interpreti e ruoli

Vittorio Gassman (se steso), Alessandro Gassman (se stesso), numerosi amici e colleghi di Vittorio nel ruolo di se stessi. ( narratore)

Soggetto

Vita professionale (teatro, cinema, televisione) e vita privata (famiglia e figli) di Vittorio Gassman, tra i protagonisti dello spettacolo italiano della seconda metà del Novecento.

Valutazione Pastorale

Gassman è morto il 29 giugno del Duemila. In occasione dei dieci anni, nel settembre scorso, il figlio Alessandro e il regista Giancarlo Scarchilli hanno preparato questo documentario, che si propone "di far conoscere il percorso umano e artistico di una delle maggiori personalità dello spettacolo e della cultura italiana del XX secolo". I due hanno lavorato su una enorme quantità di materiali d'archivio, foto, documenti originali, spezzoni di varia dimensione. Affidare la celebrazione di questi anniversari al territorio delle immagini è una buona abitudine, che va alimentata. E' l'occasione per recuperare oggetti rimasti per troppo tempo nel buio degli scaffali. Personaggio poliedrico, Gassman: diviso per capitoli, l'omaggio restituisce la cronaca dei grandi titoli al cinema, del rapporto viscerale con il palcoscenico, dei lati difficili di una carattere talvolta ombroso. Omaggio però colmo di affetto e di forte slancio sentimentale, che disegna il ritratto di uno che resta, a tutti gli effetti, un "mattatore", calato in pieno nella magia della maschera, veicolo di realtà, finzione, verità, bugia, felicità e depressione. Un film 'giusto' che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile e nell'insieme semplice.

Utilizzazione

Il film, più che nella programmazione ordinaria, è da utilizzare in occasioni mirate, soprattutto per i più giovani, come approccio alla conoscenza di un protagonista e della storia italiana che ha attraversato.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV