WONDERLAND

Valutazione
Discutibile, ambiguità
Tematica
Donna, Famiglia, Matrimonio - coppia
Genere
Commedia
Regia
Michael Winterbottom
Durata
108'
Anno di uscita
1999
Nazionalità
Gran Bretagna
Titolo Originale
Wonderland
Distribuzione
Universal
Musiche
Michael Nyman
Montaggio
Trevor Waite

Orig.: Gran Bretagna (1999) - Sogg. e scenegg.: Laurence Coriat - Fotogr.(Scope/a colori): Sean Bobbitt - Mus.: Michael Nyman - Montagg.: Trevor Waite - Dur.: 108' - Produz.: Michele Camarda, Andrew Eaton.

Interpreti e ruoli

Gina McKee (Nadia), Molly Parker (Molly), Shirley Henderson (Debbie), Ian Hart (Dan), John Simm (Eddie), David Fahm (Franklyn), Stuart Townsend (Tim), Sarah-Jane Potts (Melanie), Enzo Cilenti (Darren), Kika Markham (Eileen), Jack Sheperd (Bill), Ellen Thomas . (Donna)

Soggetto

Un nucleo familiare nella Londra fine anni Novanta. Il padre e la madre tengono in piedi un matrimonio nel quale l'amore si è da tempo logorato: entrambi sono angosciati per l'assenza del figlio Darren. Ci sono poi tre figlie: Debbie, Nadia, Molly. Molly sta per avere il suo primo bambino; Debbie ha un figlio di nove anni, Jack, tuttavia non vuole avere legami fissi e spesso passa le notti fuori di casa; Nadia vive sola e sta cercando qualcuno di cui innamorarsi. La domenica Molly telefona piangendo a Debbie: Eddie, il padre del bambino, se ne è andato. Le tre sorelle si danno appuntamento al caffé per mezzogiorno, ma c'è poca voglia di alzarsi. Debbie è a letto con Paul; Franklyn, il ragazzo di colore di Nadia, é nella vasca da bagno. Al caffé Molly ha le doglie e Debbie la porta all'ospedale. La sera, ad una festa nel parco, Jack viene picchiato, Eddie cade con la moto e va in ospedale. Dopo molte preoccupazioni, Jack telefona alla mamma, le dice che si trova alla polizia, dove Debbie arriva insieme a Dan, il padre del ragazzo. Dopo che ha partorito, Molly incontra Eddie e i due si riconciliano. Nadia, insieme a Franklyn, va a casa dal padre Bill, che non vede va da molto tempo. Anche Darren é a casa. La città con mille luci e rumori avvolge le loro vicende.

Valutazione Pastorale

Londra é la 'terra delle meraviglie' (come dice il titolo)? O forse potrebbe esserlo? Una storia, la storia di tutti, sotto lo stesso cielo: nucleo familiare in crisi, sofferenze individuali, affannosa ricerca per evitare la solitudine. Nella città tentacolare, dietro i palazzi alveare, nei quartieri anonimi la quotidianità scorre lungo un realismo crudo e quasi spietato. Si potrebbe parlare di commedia a sfondo sociale -sentimentale sulla piccola borghesia londinese: i protagonisti sono persone che hanno perso la capacità di amare e tuttavia non si rassegnano. Quando il cuore si inaridisce, quando sembrano prevalere noia e insoddisfazione, la nascita di una nuova vita può far vedere le cose in maniera diversa. E se la rabbia sembrava prevalere, può bastare poco per recuperare gli affetti più vicini, la famiglia,gli amici, i sentimenti. Si parte da un quadro desolato per andare verso un finale più possibilista e aperto alla speranza. Percorso importante, che la regia dipana con un andamento a metà tra realismo e favola. Affiora un po' di schematismo, ma la spinta di fondo appare convincente. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come discutibile e ambiguo, per evidenziare meglio l'andamento altalenante del racconto, con passaggi insistiti sull'inutilità del matrimonio e su scene di rapporti intimi tuttavia non compiaciute. UTILIZZAZIONE: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, con attenzione per la presenza dei minori. Da recuperare come ritratto della società inglese fine anni Novanta.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film