Achivio Storico

QUARANTAMILA CAVALIERI

Regia
Charles Chauvel
Anno di uscita
1941

titolo_originale: Forty Thousand Horsemen

interpreti: Grant Taylor (Red Gallagher), Betty Bryant (Juliet Rouget), Chips Rafferty (Jim), Pat Twohill (Larry), Harvey Adams (Von Hausen), Eric Reiman (Von Schiller), Joe Valli (Scotty), Charles Zoli, Kenneth Brampton, Harry Abdy, Pat Penny, John Fleeting, Norman Maxwell

genere: epico

soggetto: Elsa Chauvel

sceneggiatura: Elsa Chauvel

fotografia: George Heath

scenografia: Eric Thompson

montaggio: Bill Shephard

produzione: Charles Chauvel per P.F.F.

distribuzione: Fincine

durata: 86?

tematiche: guerra; storia

trama: Nel 1916 i tedeschi, alleati della Turchia, hanno occupato parte dell?Anatolia e la Palestina, sfruttando a loro vantaggio i pozzi di petrolio. A Gerusalemme impiccano un vinaio francese sospetto di spionaggio. La sua giovane figlia Giulia viene salvata dagli arabi. Un vecchio sceicco le fa indossare abiti maschili e la presenta ai tedeschi come suo figlio; ma il comandante tedesco la costringe a seguire le truppe ed a lavorare per loro. Contro i tedeschi si distinguono per valore e spirito aggressivo quattro brigate di cavalleria australiana: quarantamila cavalieri. Dopo una delle tante battaglie un cavalleggero australiano resta ferito sul campo e viene soccorso nascostamente da Giulia, sempre al seguito dei tedeschi e sempre in abiti maschili. Dopo un susseguirsi di fatti d?arme, d?avventure nelle quali rifulge il valore degli australiani, i tedeschi vengono poco a poco ricacciati e Giulia, libera alfine, lasciati gli abiti maschili, rivede il cavaliere la cui immagine le era sempre rimasta nel cuore. E all?epopea guerresca s?intreccia l?idillio.

giudizio_artistico: E? uno dei tanti films d?avventure. Le protagonista ? questa volta la cavalleria australiana: assistiamo quindi ad epiche cavalcate e cariche di cavalleria nel deserto. La trama manca di coesione: vi sono per? alcune pregevoli sequenze.

giudizio_morale: Bench? nel lavoro si esaltino le virt? militari, il cameratismo, la generosit? e la piet? verso il prossimo, alcune sequenze di tabarin arabo con prolungate danze lascive ed atteggiamenti sconvenienti oltre ad un altro episodio alquanto scabroso, inducono ad escludere la visione del film per ogni genere di pubblico. E

nazione: Australia

Ricerca Film - SerieTv
Ricerca Film - SerieTV