9 VITE DA DONNA

Valutazione
Discutibile, ambiguità
Tematica
Aborto, Carcere, Donna, Famiglia - genitori figli, Malattia, Matrimonio - coppia
Genere
Drammatico
Regia
Rodrigo Garcia
Durata
112'
Anno di uscita
2005
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Nine lives
Distribuzione
Mikado Film
Musiche
Edward Shearmur
Montaggio
Andrea Folprecht

Orig.: Stati Uniti (2004) - Sogg. e scenegg.: Rodrigo Garcia - Fotogr.(Panoramica/a colori): Xavier Perez Grobet - Mus.: Edward Shearmur - Montagg.: Andrea Folprecht - Dur.: 112' - Produz.: Julie Lynn.

Interpreti e ruoli

Elpidia Carrillo (Sandra), Miguel Sandoval (Ron), Robin Wright Penn ( guardia), Lisa Gay Hamilton (Diana), Holly Hunter (Holly), Amanda Seyfried . (Sonia), Amy Brenneman (Samantha), Sissy Spacek (Lorna), Kathy Baker (Ruth), Glenn Close (Camille), Dakota Fanning (Maggie), Jason Isaacs (Maria), Aidan Quinn (Damian), Stephen Dillane (Henry), Molly Parker (Martin), Joe Mantegna (Lisa), Ian McShane (Richard), Mary Kay Place (Larry), (Alma)

Soggetto

Nove episodi. SANDRA (Una ragazza madre in carcere). DIANA (Incinta, al supermercato incontra un antico spasimante). HOLLY (Lei e la sorella aspettano il padre violentatore). SONIA (con il marito in visita a casa di amici). SAMMY (Vive con i genitori, il padre paralitico). LORNA (Va al funerale della moglie dell'ex marito). RUTH (Al motel, vorrebbe provare a tradire il marito, ma non ci riesce). CAMILLE (In ospedale, aspetta l'operazione di mastectomia). MAGGIE (Va con la nipotina Maria al cimitero sulla tomba del marito).

Valutazione Pastorale

I nove ritratti scritti e messi in immagini da Rodrigo Garcia (figlio di Gabriel Garcia Marquez) hanno l'obiettivo di focalizzare alcune situazioni di difficoltà che il mondo femminile si trova oggi ad affrontare e sopportare. Va detto che la qualità dei nove capitoletti é abbastanza diseguale: il più compatto é forse quello dedicato a Camille in ospedale; gli altri ondeggiano nella esposizione di problemi vari e certo tutti realistici (il carcere, la maternità, il matrimonio, l'equilibrio tra privato e pubblico...) ma non sempre ben centrati. Il tratto unificante é quello di una visione pessimistica della vita e del mondo, tra infelicità, tristezza, rassegnazione. Uno sguardo amaro sull'esistenza, insistito e leggermente compiaciuto, ossia letterario. Il cimitero dell'ultimo episodio appare come l'unico rifugio possibile, un luogo dove bisogna rispettare il silenzio e quindi si può fare a meno delle parole. Stretto in una maliconica disperazione, il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come discutibile e caratterizzato da molta ambiguità. UTILIZZAZIONE: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria con attenzione per la presenza dei minori. Stessa cura é da tenere per i più piccoli in previsione di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film