ATTO DI FORZA *

Valutazione
Discutibile, Violenze
Tematica
Nuove tecnologie
Genere
Fantastico
Regia
Paul Verhoeven
Durata
109'
Anno di uscita
1990
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
TOTAL RECALL
Distribuzione
Penta Distribuzione
Soggetto e Sceneggiatura
Ronald Shusett, Dan O'Bannon, Gary Goldman, Jon Povill liberamente tratto da un racconto di Philip K. Dick
Musiche
Jerry Goldsmith
Montaggio
Frank J. Urioste

Sogg.: liberamente tratto da un racconto di Philip K. Dick - Scenegg.: Ronald Shusett, Dan O'Bannon, Gary Goldman, Jon Povill - Fotogr.: (normale/a colori) Jost Vacano - Mus.: Jerry Goldsmith - Montagg.: Frank J. Urioste - Dur.: 109' - Produz.: Buzz Feitshans, Ronald Shusett

Interpreti e ruoli

Arnold Schwarzenegger (Doug Quaid), Rachel Ticotin (Melina), Sharon Stone (Lori), Ronny Cox (Cohaagen), Michael Ironside (Richter), Marshall Bell (George/Kuato), Mel Johnson Jr. (Benny), Michael Champion, Roy Brocksmith, Ray Baker

Soggetto

Chicago nel 2084, l'erculeo operaio Doug Quaid sposato con la bionda Lori, è ossessionato da enigmatici e paurosi incubi notturni durante i quali vede se stesso sul pianeta Marte, insieme ad una donna sconosciuta. Non potendosi pagare un viaggio su Marte, omai da tempo colonizzato dagli uomini, che ne estraggono un prezioso minerale, il turbinium, Dotig si rivolge ad un centro specializzato, il Total Recall che, per modica cifra, fornisce con particolari attrezzature eventuali ricordi di viaggi e di esperienze su quel pianeta. Ma, appena iniziato il procedimento per produrre ricordi artificiali, è subito chiaro che Quaid è stato già realmente su Marte e la sua memoria è stata poi cancellata; da quel momento comincia per lui una serie di avventure mirabolanti, perché torna sul pianeta dove apprende di essere Hauser, un agente segreto, e di aver compiuto recentemente un'eroica missione, contro lo spietato industriale Cohaagen, padrone delle miniere di turbinium. Il despota, col perfido aiutante Richter e una schiera di brutali guardie domina un esercito di operai schiavi, lesinando loro l'aria artificiale necessaria per vivere sul pianeta, che è privo di ossigeno. Inoltre Lori non è sua moglie, ma solo un'agente che lo sorveglia, perché egli conserva, a sua insaputa, nel proprio cervello alcune preziose notizie, che i suoi nemici vogliono strappargli, per poi ucciderlo. Quaid intanto ritrova su Marte la donna, che vedeva in sogno, Melina, e insieme a lei supera tremendi agguati, aiutato da creature umane rese mostruose dalle radiazioni, cui sono state sottoposte per colpa di Cohaagen. Dopo strani colloqui sul monitor con l'altro se stesso, Hauser, che infine si rivela suo nemico, Quaid riesce a eliminare Cohaagen, Richter, Lori e i loro complici, e, con i dati che ha nel proprio cervello, riesce a far funzionare un apparecchio, che produce ossigeno in abbondanza. Mentre Marte diventa più ridente e vivibile per gli abitanti, Quaid, trionfante, può finalmente ricongiungersi con Melina.

Valutazione Pastorale

si tratta di un film altamente spettacolare e pieno di azione, in cui appaiono paesaggi suggestivi e macchinari fantastici. Ma, partendo da una idea iniziale originale ed interessante, il racconto diventa ben presto troppo confuso e aggrovigliato e il regista Verhoeven non riesce a dargli un carattere definito, fra le apparizioni dell'alter ego sul monitor, i mostri causati dalle radiazioni, e le personalità vere o fittizie di alcuni personaggi. Tutto è basato su lotte furibonde, con sparatorie micidiali, che provocano moltissimi morti e truculente mutilazioni. Se è vero che si tratta in fondo di una lotta fra il bene e il male, è anche vero che la violenza è troppa e molte immagini insistono eccessivamente sulle deformità di alcuni individui.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film