CAPTAIN PHILLIPS – AVVENTURA IN MARE APERTO

Valutazione
Consigliabile, Problematico
Tematica
Famiglia, Politica-Società, Storia, Terrorismo
Genere
Drammatico
Regia
Paul Greengrass
Durata
134'
Anno di uscita
2013
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Captain Phillips
Distribuzione
Warner Bros Pictures Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Billy Ray tratto dall'autobiografia "A Captain's Duty: Somail Pirates, Navy Seals and Dangerous Days at Sea scritta da Richard Phillips in collaborazione con Stephan Talty
Musiche
Henry Jackman
Montaggio
Christopher Rouse

Orig.: Stati Uniti (2013) - Sogg.: tratto dall'autobiografia "A Captain's Duty: Somail Pirates, Navy Seals and Dangerous Days at Sea scritta da Richard Phillips in collaborazione con Stephan Talty - Scenegg.: Billy Ray - Fotogr.(Scope/a colori): Barry Ackroyd - Mus.: Henry Jackman - Montagg.: Christopher Rouse - Dur.: 134' - Produz.: Michael De Luca, Scott Rudin, Dana Brunetti.

Interpreti e ruoli

Tom Hanks (capitano Richard Phillips), Catherine Keener (Andrea Phillips), Barkhad Abdi (Muse), Barkhad Abdirahman (Bilal), Faysal Ahmed (Najee), Mahat M. Ali (Elmi), Michael Chernus (Shane Murphy), David Warshofsky (Mike Perry), Corey Jonhson (Ken Quinn), Chris Mulkey (John Cronan), Yul Vazquez (cap. Frank Castellano), Max Martini (comandante SEAL), Omar Berdouni . (Nemo)

Soggetto

Anno 2009, al largo delle coste somale. La nave americana porta container Maersk Alabama viene sequestrata da una banda di pirati somali. Dopo un primo momento di indecisione, il Capitano Richard Phillips, comandante della nave, comincia a confrontarsi con la sua controparte avversaria, un uomo chiamato Muse, e con la necessità di attivare qualche contromisura. Svanita la possibilità di sequestrare tutta la nave, i pirati prendono in ostaggio Phillips e ne chiedono un forte riscatto. Quando le autorità americane vengono a conoscenza della situazione, comincia un duro braccio di ferro con i mercenari...

Valutazione Pastorale

Il fatto, come si sa, è vero, consumato nelle acque dell'oceano nell'arco di cinque giorni, dal 8 al 12 aprile 2009. Tra cronaca e storia si muove questa ricostruzione, con un copione che cerca di stare attento sia alle motivazioni che spingono i somali a mettere insieme un gruppo di uomini mossi più da necessità che da vera convinzione; sia le reazioni degli americani e in particolare di Phillips, che sente si di se tuttoil peso di dover difendere l'equipaggio, il proprio Paese e infine se stesso e la propria famigia. Di suo la regia di Paul Greengrass ci mette un tagio frenetico e un po' schizofrenico, mosso fino all'iper agitazione, spalmatio lungo un copione che forse paga lo scotto di qualche lunghezza di troppo. 134' per disegnare una situazione che è quasi un western moderno, una battaglia che però gli USA oggi vincono solo grazie alle nuove tecnologie ma senza stravincere. E le cui conseguenze restano nella mente di Phillips, simile ad un antieroe impaurito. Si tratta di una vicenda d'azione dentro la quale emegono non pochi temi attuali e pertinenti: la preoccupazione per il futuro dei figli; la necessità di prendere decisioni, la responsabilità del comando e del destino di tanti. A metà dunque tra dramma, storia, metafora, il film, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consiglabile e nell'insieme problematico.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in seguito come prodotto che unisce spettacolo e riflessione sulla nostra contemporaneità.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film