CASINO ROYALE

Valutazione
Accettabile-riserve, crudezze **
Tematica
Avventura, Cinema nel cinema, Letteratura
Genere
Azione
Regia
Martin Campbell
Durata
145'
Anno di uscita
2007
Nazionalità
Gran Bretagna
Titolo Originale
Casino Royale
Distribuzione
Sony Pictures Releasing Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Neal Purvis, Robert Wade, Paul Haggis tratto dal romanzo omonimo di Ian Fleming
Musiche
David Arnold
Montaggio
Stuart Baird

Orig.: Gran Bretagna (2006) - Sogg.: tratto dal romanzo omonimo di Ian Fleming (1953) - Scenegg.: Neal Purvis, Robert Wade, Paul Haggis - Fotogr.(Scope/a colori): Phil Meheux - Mus.: David Arnold - Montagg.: Stuart Baird - Dur.: 145' - Produz.: Michael G. Wilson, Barbara Broccoli.

Interpreti e ruoli

Daniel Craig (James Bond), Eva Green (Vesper Lynd), Mads Mikkelsen (Le Chiffre), Judy Dench (M), Jeffrey Wright (Felix Leiter), Giancarlo Giannini (Mathis), Caterina Murino. (Solange), Claudio Santamaria (Carlos), Ivana Milicevic . (Valenka), Simon Abkarian (Alex), Isaach De Bankolè (Steven), Tobias Menzies . (Villers)

Soggetto

Incaricato di seguire da vicino le mosse del terrorista Mollaha, l'agente James Bond transita in varie parti del mondo, fino ad entrare in contatto con Le Chiffre, un banchiere sospettato di finanziare alcune cellule terroristiche. Aiutato da Vesper Lynd, funzionaria del Ministero del Tesoro britannico, da Mathis, agente segreto montenegrino amico di M16, e dall'agente CIA Felix Leiter, Bond si attiva per sventare una serie di attentati programmati da La Chiffre. Con lui poi si ritrova al tavolo da gioco dentro il Casino Royale. Bond sfugge a vari agguati mortali, sventa il pericolo rappresentato da La Chiffre, e ottiene la sospirata 'licenza di uccidere'.

Valutazione Pastorale

Il 21° appuntamento con il famoso agente 007 ci riporta all'inizio della storia. "Casino Royale" é infatti il primo libro scritto nel 1953 da Ian Fleming e vede il protagonista agli inizi, per così dire, della carriera. Naturalmente l'azione é spostata dal 1953 ai giorni nostri, e ciò permette un largo uso di effetti speciali e inserimento di nuove tecnologie. James Bond appare, rispetto al passato, più vulnerabile e umano, quasi si fosse voluto toglierlo dalla dimensione dell'eroe senza macchia e senza paura. La spettacolarità dell'azione é assicurata e incalzante, forse addirittura con qualche eccesso. Al punto che il personaggio agisce in funzione della situazione ad alto tasso di tensione, e non il contrario. In generale si capisce che il nuovo corso di 007 (nuovo é l'attore che lo interpreta) é stato improntato al gusto dei tempi, meno inclini all'uomo 'che non deve chiedere mai' e più a chi ha bisogno (talvolta) di aiuto. Qualche lunghezza di troppo, qualche pausa, comunque uno prodotto di rilievo per un film che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile, sia pure con riserve per alcune crudezze sparse. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria. Qualche attenzione é da tenere per i più piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film