CODICE MERCURY

Valutazione
Accettabile, Crudezze
Tematica
Genere
Thriller
Regia
Harold Becker
Durata
111'
Anno di uscita
1998
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
MERCURY RISING
Distribuzione
U.I.P.
Soggetto e Sceneggiatura
Lawrence Konner, Mark Rosenthal Basato sul romanzo "Sim
Musiche
John Barry
Montaggio
Peter Honess

Sogg.: Basato sul romanzo "Sim- ple Simon" di Ryne Douglas Peardon - Scenegg.: Lawrence Konner, Mark Rosenthal - Fotogr.: (Scope/a colori) Michael Seresin - Mus.: John Barry - Montagg.: Peter Honess - Dur.: 111' - Produz.: Brian Grazer, Karen Kemela

Interpreti e ruoli

Bruce Willis (Art Jeffries), Alec Baldwin (Nicholas Kudrow), Miko Hughes (Simon Lynch), Kim Dickens (Stacey), Bodhi Pine Elfman (Leo Pedranski), Chi Mc Bride Robert Stanton (Tommy B. Jordan), Carrie Preston (Dean Crandell), Peter Stormare, L. L. Ginter, Kevin Conway, John Carroll Lynch, Kelley Hazen, John Doman, Hank Harris.

Soggetto

Terminata con esito disastroso una missione segreta della quale è diventato il capro espiatorio, l'agente FBI Art Jeffries si vede affidare il compito di indagare sulla scomparsa di un bambino autistico di nove anni seguita al misterioso omicidio dei genitori. Recatosi a Chicago nella casa dove è avvenuto il delitoo, Art trova il piccolo Simon nascosto in un armadio. Riuscito a stabilire un legame di fiducia con lui, Art capisce che Simon è in pericolo. In ospedale però la sorveglianza viene sospesa improvvisamente, e allora Art decide di portare via Simon e di fuggire con lui. Di fronte ad ulteriori tentativi di aggredire il bambino, Art finalmente scopre che è diventato un bersaglio da eliminare, dopo aver decifrato involontariamente un codice militare segreto, il 'Codice Mercury', utilizzato per missioni spionistiche americane nel mondo. Il colonnello Kudrow, dirigente dell'Agenzia per la Sicurezza Nazionale, si mette ad inseguire i due, deciso ad eliminare il piccolo. Abbandonato dall' FBI, Art lotta strenuamente contro gli agenti governativi. Nello scontro finale Art uccide Kudrow. Tempo dopo, va a scuola a trovare Simon, e i due si abbracciano.

Valutazione Pastorale

si tratta di un thriller di buona fattura, com'è nella media del prodotto commerciale americano. Molta azione, un po' di suspence, qualche effetto spettacolare, qualche sottolineatura "corretta" sulla necessità di proteggere l'infanzia indifesa e i bambini afflitti da handicap. Tutto nella norma di un film da seguire senza troppe pretese, punteggiato da crudezze ma, dal punto di vista pastorale, da valutare come positivo e accettabile. Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria come prodotto facilmente fruibile. Meno indicato per altre utilizzazioni.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film