DEJA S’ENVOLE LA FLEUR MAIGRE (GIÀ VOLA IL FIORE MAGRO) *

Valutazione
Accettabile, Realistico
Tematica
Emigrazione
Genere
Drammatico
Regia
Paul Meyer
Durata
87'
Anno di uscita
1994
Nazionalità
Belgio
Titolo Originale
DEJA S'ENVOLE LA FLEUR MAIGRE
Distribuzione
Libra Film
Soggetto e Sceneggiatura
Paul Meyer
Musiche
Arsene Souffriau
Montaggio
Paul Meyer, Rose Tuytschaver

Sogg. e Scenegg.: Paul Meyer - Fotogr.: (normale/b.n.) Freddy Rents - Mus.: Arsene Souffriau - Montagg.: Paul Meyer, Rose Tuytschaver - Dur.: 87' - Produz.: Les films de l'eglantine

Interpreti e ruoli

Domenico Mescolini (Domenico), Valentino Gentili (Valentino), Luigi Favotto (Luigi), Giuseppe Cerqua (Giuseppe), Attilio Sanna (Attilio), Pietro Sanna ( Pietro), Brighella (Brighella), Renato Di Marco, Dolores Oscari, Alice Sanna, Mela Franco, Marie-Louisa Franco, Luigino Sartori, Victor Ghislain

Soggetto

un emigrato italiano in Belgio, Pietro, riceve la famiglia alla stazione del centro minerario di Borinage: la moglie e quattro figli. Il maggiore, Giuseppe, è destinato alla miniera, pur essendo ancora minorenne, mentre i due maschi, Attilio e Luigi, andranno, accompagnati da un ragazzo più grande, Valentino, oriundo e bilingue, alla scuola per emigrati, dove un maestro insegna loro i primi rudimenti del francese. Le abitazioni dei minatori sono assai modeste, anche se animate dai giochi dei bimbi, che a volte si protraggono fino a tarda sera. La fatica è scarsamente retribuita e la chiusura di miniere non infrequente, tra uno sciopero e l'altro; in più i comprensibili problemi determinati dalle difficoltà di integrazione con i nativi. La giornata è pesante per i minatori, più spensierata per i ragazzi, che trovano nel gioco il loro svago, rotolandosi in gara con i compagni belgi giù da cumuli di carbone su cui già spunta l'erba. Mentre un gruppo di immigrati greci canta e balla in uno spazio fra le case, l'anziano Domenico alla vigilia del suo sospirato rientro in Italia va in giro sulle alture con il piccolo Luigi, per sintetizzargli cosa è vermante il Borinage ai loro piedi: per lui un sinonimo di pericolo in miniera, di polvere nera, di lavoro pesante e di miseria. Poi a casa, in Italia, torna anche il grasso signor Brighella, mercante nero durante la guerra, diventato poi una specie di sindacalista e faccendiere tra i compatrioti.

Valutazione Pastorale

prodotto nel 1959, questo film di veramente suggestivo ha solo il fascino di una bella fotografia in bianco e nero; per il resto si tratta di un'evidente omaggio al neorealismo italiano, ma con una sostanziale incapacità di scavare a fondo nella psicologia dei personaggi e soprattutto nel rendere vivi e palpitanti i loro drammi psicologici ed esistenziali. Sembrano, infatti, i protagonisti del film, degli stereotipi: la famiglia italiana numerosa dove tutti si vogliono bene; il caporione ammanicato con le autorità civili e religiose che finge bonomia e sollecitudine e in realtà fa gli affari suoi; il personaggio tanto naif quanto poco credibile di Domenico. Si avverte certo interesse e simpatia del regista belga per la comunità italiana, interesse presumibilmente nato da idee politiche opposte a quelle dominanti nella sua terra, assai dura con gli immigrati, anche per il notevole peso antropologico provocato colà da questo fenomeno.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film