DEPARTURES

Valutazione
poetico, Raccomandabile
Tematica
Famiglia - genitori figli, Metafore del nostro tempo, Morte, Solidarietà-Amore, Tematiche religiose
Genere
Drammatico
Regia
Yojiro Takita
Durata
125'
Anno di uscita
2010
Nazionalità
Giappone
Titolo Originale
Okuribito
Distribuzione
Tucker Film
Musiche
Joe Hisaishi
Montaggio
Akimasa Kawashima

Orig.: Giappone (2008) - Sogg. e scenegg.: Kundo Koyama - Fotogr.(Panoramica/a colori): Takeshi Hamada - Mus.: Joe Hisaishi - Montagg.: Akimasa Kawashima - Dur.: 125' - Produz.: Toshiaki Nakazawa, Toshihisa Watai.

Interpreti e ruoli

Masahiro Motoki (Daigo Kobayashi), Tsutomu Yamazaki (Shouei Sasaki), Ryoko Hirosue (Mika Kobayashi), Kimiko Yo (Yuriko Uemura), Takashi Sasano (Shokichi Hirata), Kazuko Yoshiyuki . (Tsuyako Yamashita)

Soggetto

Scioltasi l'orchestra nella quale suonava il violoncello, il giovane Daigo insieme alla moglie Mika lascia Tokio e si trasferisce in campagna. Qui, letto un annuncio per un lavoro di aiutante, si presenta e, dopo appena uno sguardo, Sasaki, titolare dell'agenzia, lo assume. A questo punto Daigo scopre che il suo lavoro avrà a che fare con la preparazione cerimoniale dei corpi prima della cremazione. Alla moglie, Daigo dice che il suo compito riguarda l'allestimento di cerimonie e intanto comincia a viaggiare nella regione e a fare esperienze del tutto impreviste. Quando Mika scopre la verità, gli chiede di lasciare quell'incarico e, difronte al suo rifiuto, lascia la casa per tornare a Tokio. In realtà Daigo, incerto e titubante all'inizio, ora capisce l'importanza di quel lavoro di 'preparazione' ed é ben deciso a non rinunciare. Sul finire dell'inverno, la mamma di un suo carissimo amico muore; la moglie ritorna e lui riceve la notizia della scomparsa del padre, con il quale non si vedeva più da almeno 30 anni e che ora può riabbracciare. Mika inoltre é incinta e la prospettiva di diventare a sua volta padre porta a Daigo gioia e commozione.

Valutazione Pastorale

In giapponese si chiama "nokanshi", ossia preparatore di corpi (lavarli, vestirli, truccarli, profumarli) per una ditta di pompe funebri. Si tratta di un rito che richiede molta grazia, una cerimonia fatta di piccoli gesti e di movimenti leggiardi: in Giappone un culto millenario, fuori un qualcosa da conoscere, capire, apprezzare. Mettendo al centro della storia un tema arduo come quello della morte, il copione lo svolge in un'ottica del tutto originale e, per più motivi, imprevedibile : perché Daigo, il protagonista, cresce a poco a poco nella consapevolezza di un lavoro scelto all'inizio per caso e quasi controvoglia; perché l'impegno ad onorare il defunto e a rispettare il dolore dei congiunti diventa lezione di vita per se stesso e la propria situazione; perché il mistero della morte del corpo diventa viatico per una maggiore apertura verso il rispetto della vita e l'equilibrio tra la natura e l'essere umano. Pur lavorando su nobili e antiche tradizioni nazionali, il regista riesce a comporre uno spartito dal respiro ampio e senza limiti geografici, unendo la musica che il giovane suona e che all'inizio perde (la chiusura dell'orchestra) a quella dell'aria e degli spazi, del volgere delle stagioni, del dipanarsi dei sentimenti: raggiungendo momenti di impalpabile umanità dentro una vita vissuta nella pienezza degli affetti. Parabola delicata e toccante, il film si segnala per la capacità di dire cose importanti con tono piano e quasi colloquiale, mai urlato né polemico e, dal punto di vista pastorale, é da valutare come raccomandabile e certamente poetico.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e in seguito in molte occasioni come prodotto di altà qualità in grado di coniugare belle immagini e tematiche di forte spessore.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film