EL DIA DE LA BESTIA

Valutazione
Inaccettabile, Farneticante
Tematica
Genere
Fantastico
Regia
Alex De La Iglesia
Durata
103'
Anno di uscita
1996
Nazionalità
Spagna
Titolo Originale
EL DIA DE LA BESTIA
Distribuzione
Warner Bros Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Jorge Guerri
Musiche
Battista Lena
Montaggio
Teresa Font

Sogg. e Scenegg.: Jorge Guerri-caechevarria, Alex De La Iglesia - Fotogr.: (panoramica / a colori) Flavio Martinez Labiano - Mus.: Battista Lena - Montagg.: Teresa Font - Dur.: 103' - Coproduz.: Iberoamericana Films, Sogetel, Madrid - M.G., Roma

Interpreti e ruoli

Alex Angulo . (Angel Berriartúa), Santiago Segura (José Maria), Armando De Razza (Professor Cavan), Terele Pavéz (Rosario), Natalie Seseña (Mina), Maria Grazia Cucinotta. (Susana), Gianni Ippoliti, Saturnino Garcia, Daniel Cicare, Paloma Montera, Jose Colomina, Pololo

Soggetto

Il prete spagnolo Angel Berriartúa, docente di teologia all'Univer-sità di Deusto e studioso dell'Apocalisse di San Giovanni, è giunto ad una conclusione: all'alba del 25 dicembre 1995 nascerà a Madrid l'Anticristo, e quel giorno sarà l'annunciato "El dia de la Bestia". Convinto di essere lui l'uomo "eletto" per impedire l'avvento dell'Anticristo, Angel va a Madrid: qui danneggia automobili; prende brutalmente a bastonate gente innocente; si mette a fare il delinquente, tanto per richiamare l'attenzione del Maligno. Nella impresa gli vengono in aiuto José Maria (un giovane appassionato di "death metal" e gestore di un negozio ben fornito di musiche sataniche, il quale, pur essendo un bonaccione, ostenta tatuaggi del genere demoniaco), che diventa il suo collaboratore; il professor Cavan (conduttore di un pro-gramma televisivo di alto gradimento) parapsicologo; Mina (vergine adole-scente), cameriera della señora Rosario (la energica madre di José e proprie-taria della pensione in cui il prete alloggia). Insieme a José Maria, il prete penetra nel lussuoso appartamento occupato in un albergo da Cavan e dalla fidanzata Susana e sevizia la coppia per ottenere la evocazione del Maligno. Per il rituale, occorre il sangue di una vergine e Angel preleva quello dell'in-nocente Mina drogandola, uccidendo tuttavia con un fucile Rosario. Cavan è scettico sull'esperimento, ma ecco che un caprone si mette a zampettare nel-la camera: Satana, dunque, c'è davvero e il prete non ha torto. Però con la bestia è arrivata la paura: Susana entra in piena crisi di nervi e cade rovino-samente per le scale, mentre Angel e José sono inseguiti dalla polizia, dopo aver assistito in un locale ad una conferenza sulle profezie di Nostradamus. Cavan convince il suo produttore a presentare subito uno special natalizio eccezionale, su tutto ciò che è successo poche ore prima. Però urge ritrovare il prete. Lanciatogli un appello dal video, è José che lo raccoglie: lui ed Angel si trovano vicino alla "Sala Inferno" (luogo di una band e di aficiona-do della "heavy metal music" e relativi culti satanici). Cavan dà appunta-mento alle Torri della Porta d'Europa, il luogo nel quale sembrano coincide-re quei segni e profezie. In un baraccone, tra ferraglie e rifiuti appena ripara-to da cartoni, un neonato piange: forse questo è l'Anticristo poiché il capro-ne campeggia sullo sfondo.

Valutazione Pastorale

Questo "rendez-vous" madrileno si configura come un enorme pastrocchio ambizioso e farneticante. E' molto probabile che per tanti dettagli (vedi lo zampettante caprone) ne sorrideranno perfino i più severi e raffinati esperti del paranormale e dell'esoterismo. Le ragioni per cui nello scegliere l'eletto a recarsi all'appuntamento si sia dato spazio ad un religioso previ i suoi reiterati tuffi nel Male non hanno bisogno di com-menti. Ironia, sarcasmo, un pizzico di "noir", una dose di horror sono gli ingredienti principali dell'ignobile e delirante intruglio, cui si aggiunge ovviamente quel tipo di musica "death metal" che molta gente ha contagiato con la sua spietata durezza.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film