FIGLIO DI DUE MADRI

Valutazione
Accettabile-riserve, problematico
Tematica
Donna, Famiglia - genitori figli, Psicologia
Genere
Psicologico
Regia
Raul Ruiz
Durata
100'
Anno di uscita
2001
Nazionalità
Francia
Titolo Originale
Fils de deux mères
Distribuzione
European Academy Distribution
Soggetto e Sceneggiatura
Francoise Dumas, Raul Ruiz tratto dal romanzo "Il figlio di due madri" di Massimo Bontempelli
Musiche
Jorge Arriagada
Montaggio
Mireille Hannon

Orig.: Francia (2000) - Sogg.: tratto dal romanzo "Il figlio di due madri" di Massimo Bontempelli - Scenegg.: Francoise Dumas, Raul Ruiz - Fotogr.(Panoramica/a colori): Jacques Bouquin - Mus.: Jorge Arriagada - Montagg.: Mireille Hannon - Dur.: 100' - Produz.: Martin de Clermont Tonnerre.

Interpreti e ruoli

Isabelle Huppert (Ariane), Jeanne Balibar (Isabella), Charles Berling (Serge), Nils Hugon (Camille), Edith Scob (Laurence), Denis Podalydes (Pierre), Laure de Clermont Tonnette. (Hélène)

Soggetto

Passato senza troppa soddisfazione il giorno del compleanno, mentre il padre Pierre si sta preparando a partire, il piccolo Camille, nove anni, chiede alla madre Ariane di essere ricondotto a casa da quella che dice essere la vera madre. La strana idea sembra per il momento passare, ma il giorno dopo Camille fa la stessa richiesta. Spinta dalla voglia di conoscere la verità, a questo punto Ariane lo accontenta e lo accompagna all'indirizzo indicato. Entrano in un appartamento dove abita Isabella, una violinista che ha perso il figlio alcuni anni prima. Se fosse vivo, il ragazzo avrebbe l'età di Camille. Quando la vede, Camille le va incontro chiamandola mamma. Ariane allora capisce che per non perdere il figlio deve far venire Isabella a casa sua. Serge, fratello di Ariane e psichiatra, giudica Isabella pericolosa, ne organizza il rapimento e la porta nella clinica di un amico. Camille però é disperato, diventa aggressivo nei confronti di Ariane e poi scompare. Ariane e Serge li trovano insieme in una chiatta. Isabella si discolpa, adducendo come prova la videocassette mostrata da Camille nel giorno del suo compleanno: il film é il diario di Camille, di lui che voleva prendere il posto del bambino morto. A questo punto Camille va a casa con la madre vera. Tutto sembra tornare alla normalità. Il padre Pierre torna dal viaggio.

Valutazione Pastorale

Il soggetto è tratto dal libro "Il figlio di due madri" di Massimo Bontempelli, romanziere e autore teatrale fortemente attratto dai meccanismi dell'identità, della sua perdita, della possibilità o meno di conservare un ruolo ben identificato. Una letteratura intrisa di ricami psicologici che non poteva non attrarre un regista multiforme e inquieto come Raul Ruiz, cileno di nascita, francese di vocazione, europeo di adozione. Dice Ruiz: "Un film sull'infanzia di Don Giovanni. Un bambino che finisce per dirsi: non ho una sola madre ma tante. Un film fantastico, senza spettri; il 'fantasma' gioca il ruolo dello spettro. Ogni personaggio ha la sua storia, e il punto di convergenza é dato dal bambino, che osserva. Chi è il bambino? Chi é l'adulto? Come crescere?". Poste queste domande così importanti, sarebbe difficile aggiungere qualcosa, se non i rilievi che quasi sempre Ruiz si attira e che ne fanno un autore 'difficile' e poco 'digeribile'. Le tematiche ci sono, l'intenzione di affrontare la psicologia del bambino e di capire le motivazioni profonde del legame madre/figlio é ben scelta: resta un andamento spesso chiuso e enigmatico, un taglio narrativo involuto, una sorta di compiacimento estetico che toglie freschezza e sveltezza all'insieme. Film da accostare con qualche attenzione, dunque, ma, dal punto di vista pastorale, da valutare come positivo: ne deriva comunque un aiuto ad affrontare situazioni problematiche, anche se alcuni eccessi motivano qualche riserva. UTILIZZAZIONE: più che in programmazione ordinaria, il film si indirizza per proiezioni mirate e in contesti selezionati. Anche nei passaggi televisivi, siamo di fronte ad un film per adulti antispettacolare e molto 'concentrato'.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film