GIU’ LE MANI DAL MIO PERISCOPIO *

Valutazione
Accettabile-riserve, Brillante
Tematica
Film per ragazzi
Genere
Grottesco
Regia
David S. Ward
Durata
93'
Anno di uscita
1996
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
DOWN PERISCOPE
Distribuzione
Fox
Soggetto e Sceneggiatura
Hugh Wilson
Musiche
Randy Edelman
Montaggio
William Anderson

Sogg.: Hugh Wilson - Sce-negg.: Hugh Wilson, Andrew Kurtzman, Eliot Wald - Fotogr.: (normale/ a colori) Victor Hammer - Mus.: Randy Edelman - Montagg.: William Anderson - Dur.: 93' - Produz.: Robert Lawrence

Interpreti e ruoli

Helsey Grammer (Tom Dodge), Lauren Holly (Emily Lake), Rob Schneider (Marty Pascal), William H.Macy (Carl Knox), Bruce Dern (Yancy Graham), Rip Torn (Dean Winslow), Harland Williams (Lovacelli), Harry Dean Stanton, Ken Hudson Campbell, Toby Huss, Duane Martin, Jonathan Penner, Bradford Tatum

Soggetto

Professionalmente preparato, ma inviso ad alcuni esponenti dello Stato Maggiore, il capitano di fregata Tom Dodge spera di poter portare in mare un sommergibile nucleare dell'ultima generazione con apparecchiature e strumentazione ultravanzate. La Commissione della Marina, tuttavia, discute a lungo sul suo imminente nuovo impiego, poiché Dodge è un tipo un po' spericolato e un po' scomodo. Gli viene dunque assegnato un nuovo incarico, nel quadro di un programma (predisposto dallo Stato Maggiore) di guerra simulata. Si tratta di un "war-game", una esercitazione nel porto di Norfolk (che verrà ben difeso in superficie), dove un sommergibile residua-to bellico della seconda guerra mondiale (lo "Stingray") dovrà misurarsi con il sommergibile nucleare "Orlando" al cui comando si trova l'irriducibile capitano di vascello Carl Knox. Questa esercitazione interessa la Marina, dato che l'ex Unione Sovietica si sta sbarazzando di molti antiquati sommer-gibili alienandoli a Paesi quali Libia e Irak. Dodge accetta anche se l'equi-paggio raccolto sulla banchina è una vera accozzaglia di disperati e sfaticati (escluso solo il bizzarro Lovacelli, il sonarista). A bordo salgono anche il suo vice Marty Pascal (un pignolo nevrotico) e tanto per complicare le cose Emily Lake, una bella bionda quale ufficiale responsabile delle immersioni. Per ben tre volte il glorioso sommergibile "Stingray" si farà beffe del som-mergibile "Orlando", standosene nel fondo o quasi: successivamente e con grande ardimento passerà addirittura fra le due eliche di una grossa cisterna di carburante che incrocia davanti alla costa, dopo aver mandato fuori due siluri contro una nave-bersaglio che partecipa alla esercitazione. L'equipag-gio è esultante: l'esercitazione è felicemente compiuta, con scorno e rabbia del contrammiraglio Yancy Graham (acerrimo denigratore delle capacità di Dodge) mentre il suo superiore, l'ammiraglio Dean Winslow, gli assicura che per il prossimo incarico potrà stare tranquillo: niente più sommergibili obsoleti ma il più valido e recente sommergibile nucleare. Il che rende realtà concreta il sogno di Dodge, il quale accetta con una sola riserva: che tutti i suoi uomini salgano a bordo con lui.

Valutazione Pastorale

In un certo senso, vien fatto di pensare all'inizio, al remake di un qualche film sui sommergibili operanti durante la seconda guerra mondiale (con il comandante efficiente e simpatico, il suo vice tutto regolamento e meschinità, più veri avanzi di galera e una biondina in divisa color kaki). Invece non è affatto così. La storia è raccontata con naturale e gradevole semplicità: essa è gustosa e brillante; i suoi vari episodi più che tollerabili e credibili. In definitiva uno spettacolo piacevole, una esercitazio-ne marina per una sfida dove ciò che è sgangherato da una parte ed il presso-ché perfetto dall'altra per lo meno sono messi alla prova non a fini bellicosi e mortali, ma nel clima di un gioco appunto il "war-game" che conserva, evidentemente, le proprie serie finalità militari. Alcune battute del dialogo ed alcune situazioni "realistiche" richiedono delle riserve.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film