I mille cancelli di Filippo

Valutazione
Consigliabile, Semplice, Adatto per dibattiti
Tematica
Amore-Sentimenti, Arte, Dialogo, Disabilità, Educazione, Famiglia, Famiglia - fratelli sorelle, Famiglia - genitori figli, Politica-Società, Solidarietà
Genere
Biografico, Documentario
Regia
Adamo Antonacci
Durata
75'
Anno di uscita
2022
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
I mille cancelli di Filippo
Distribuzione
Larione10
Soggetto e Sceneggiatura
Alessandro Salaorni
Fotografia
Elena Elisabetta D'Anna Olivares, Adamo Antonacci, Alessandro Salaorni
Musiche
Carlo Chiarotti. Il brano originale è stato interpretato da Elio, composto sempre da Chiarotti e da Simone Papi
Montaggio
Adamo Antonacci, Alessandro Salaorni
Produzione
Alessandro Salaorni, Larione10

Interpreti e ruoli

Filippo Zoi (Se stesso), Enrico Zoi (Se stesso), Raffaella Zoi (Se stessa), Irene Zoi (Se stessa)

Soggetto

Ritratto dell’artista fiorentino Filippo Zoi, venticinquenne autistico dallo spiccato talento nell’illustrazione; un racconto della disabilità nella quotidianità familiare, tra tenerezze e sfide...

Valutazione Pastorale

Il documentario “I mille cancelli di Filippo” di Adamo Antonacci ci accompagna alla scoperta del mondo di Filippo Zoi, venticinquenne fiorentino del quartiere Isolotto, un illustratore di libri di favole scritti dal padre Enrico e autore di una serie di oltre duemila tavole sulle streghe, esposte in una mostra a Firenze. Filippo è un giovane con autismo, e tutto quello che fa oscilla spesso dalla passione all’ossessione, come il memorizzare ed elencare di continuo, ad alta voce, porte e cancelli in cui si è imbattuto. “I mille cancelli di Filippo” è un viaggio nelle stanze della mente di questo artista con disabilità e nella sua quotidianità familiare, addentrandosi anche nelle pieghe dell’animo dei genitori Enrico e Raffaella, come pure della sorella Irene, ricercatrice all’estero, ma sempre presente nella vita del ragazzo. Il documentario scandisce le giornate di Filippo e dei suoi cari, senza paura di mostrare luci e ombre, sorrisi o frizioni. Di Filippo ci viene svelato soprattutto il grande talento, come pure la diffusa dolcezza; trovano posto nel racconto anche episodi di irrequietezza e di aperto contrasto con i genitori, i quali però non si perdono mai d’animo, rimanendo accanto al ragazzo con sconfinato amore, pazienza. Come indica il regista Antonacci: “Nei mesi trascorsi a conoscere la famiglia Zoi, non li ho mai visti cedere allo sconforto o alla desolazione. Sia il padre che la madre sembrano aver trovato un equilibrio e una forza interiore difficili da spiegare o da raccontare. Soprattutto a colpire è la leggerezza (sarei tentato di dire la grazia) con cui affrontano giorno per giorno tutte le sfide e le preoccupazioni, tanto da spingermi a credere che questa testimonianza possa risultare utile a tutte quelle famiglie che vivono storie simili alla loro”. Conquista dunque con facilità, e non poca emozione, il doc “I mille cancelli di Filippo”, per il suo realismo e al contempo per la delicatezza con cui mette a tema l’autismo. Non c’è alcuna esasperazione, edulcorazione o pietismo; la quotidianità della famiglia Zoi, di Filippo, è narrata con rispetto, autenticità e generosità, assumendo il valore della testimonianza, luminosa, dai riverberi civili ed educativi. Il documentario è impreziosito da un brano interpretato dal cantante Elio, composto da Carlo Chiarotti e Simone Papi. Il film è consigliabile, semplice, adatto per dibattiti.

Utilizzazione

Indicato per la programmazione ordinaria e per successive occasioni di dibattito sul tema della persona con disabilità.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca Film - SerieTv
Ricerca Film - SerieTV