I MUPPET NELL’ISOLA DEL TESORO

Valutazione
Inconsistente, Banalità
Tematica
Film per ragazzi
Genere
Favolistico
Regia
Brian Henson
Durata
102'
Anno di uscita
1996
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
MUPPET TREASURE ISLAND
Distribuzione
Buena Vista International
Soggetto e Sceneggiatura
Jerry Juhl, Kirk R. Thatcher, James V. Hart liberamente tratto dal racconto di Robert Louis Stevenson
Musiche
Hans Zimmer
Montaggio
Michael Jablow

Sogg.: liberamente tratto dal racconto di Robert Louis Stevenson - Scenegg.: Jerry Juhl, Kirk R. Thatcher, James V. Hart - Fotogr.: (panoramica/ a colori) John Fenner - Mus.: Hans Zimmer - Montagg.: Michael Jablow - Dur.: 102' - Produz.: Martin G. Baker, Brian Henson

Interpreti e ruoli

Tim Curry (Long John Silver), Kevin Bishop (Jim Hawkins), Billy Connolly (Billy Bones), Jennifer Saunders (Mrs. Bluveridge)

Soggetto

Nella squallida locanda Benbow Inn, il giovane Jim Hawkins, ricevuta da Billy Bones (un misterioso marinaio i cui racconti vengono del tutto ignorati dalla tirannica locandiera, Mrs. Bluveridge) la mappa del teso-ro di Capitan Flint, raccoglie una eterogenea ciurma di uomini ed animali e si imbarca sul galeone Hispaniola con gli amici "Gonzo e Rizzo" per un viaggio avventuroso alla ricerca di questo "gruzzolo" nascosto in un'isola. Ai due si sono uniti il "gentiluomo" Squire Trelawny, il "temerario" Capita-no Abraham Smollet ed il riottoso Long John Silver, un uomo con una gam-ba di legno. Durante la navigazione del galeone Hispaniola, tra tempeste e lunghe soste in pieno oceano per mancanza di vento, intervengono Silver e la sua ciurmaglia di pirati che prendono in ostaggio Jim e si impadroniscono della mappa del tesoro. Improvvisamente entra in azione il Capitano Smollet che, con i suoi rimastigli fedeli, riprende in mano la situazione. La naviga-zione prosegue allegramente, ma arrivati sull'isola il Capitano ed i suoi deb-bono confrontarsi con la terribile Miss Piggy, regina della locale tribù dei facoceri. Dopo buffonerie e chiassose esibizioni canore Jim Hawkins riesce nel suo intento.

Valutazione Pastorale

Questo quinto lungometraggio sui Muppet arriva sugli schermi preceduto dal meritato successo che aveva siglato una nuova, gradevole forma di spettacolo imperniata su questo originale gruppo di sim-patici animali, parlanti e canori. Impegnati nella ricerca di un qualcosa che risultasse più divertente i produttori hanno scelto una classica storia di azio-ne. Purtroppo, stravolta per risultare comica, e saturata di esibizioni canore dei Muppet, la storia, nata dalla fantasia di Robert Louis Stevenson, ha per-duto molto del suo originale interesse. In questi ultimi anni anche la fantasia dei bambini, nutrita di favole e racconti espressi e ritmati con l'ausilio di nuove tecnologie, è evoluta nei gusti e si è rimodulata sui nuovi codici della comunicazione: nuove le stimolazioni, diversi la relativa percezione ed il gradimento. Un film innocuo ma inutile, che non propone nulla; una favola noiosa che non offre nulla di significativo.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film