IL DOMANI CHE VERRA’ – THE TOMORROW SERIES

Valutazione
Consigliabile, superficialità
Tematica
Avventura, Giovani, Guerra
Genere
Drammatico
Regia
Stuart Beattie
Durata
100'
Anno di uscita
2011
Nazionalità
Australia
Titolo Originale
Tomorrow, When the War Began
Distribuzione
Eagle Pictures
Soggetto e Sceneggiatura
Stuart Beattle tratto dal romanzo omonimo di John Marsden
Musiche
Johnny Klimek, Reinhold Heil
Montaggio
Marcus D'Arcy

Orig.: Australia (2011) - Sogg.: tratto dal romanzo omonimo di John Marsden - Scenegg.: Stuart Beattle - Fotogr.(Scope/a colori): Ben Nott - Mus.: Johnny Klimek, Reinhold Heil - Montagg.: Marcus D'Arcy - Dur.: 100' - Produz.: Michael Boughen, Andrew Mason.

Interpreti e ruoli

Caitlin Stasey (Ellie Linton), Rachel Hurd-Wood (Corrie Mackenzie), Lincoln Lewis (Kevin Holmes), Deniz Akdeniz (Homer Yannos), Phoebe Tonkin (Fiona Maxwell), Chris Pang (Lee Takkan), Andy Ryan (Chris Lang), Ashleigh Cummings (Robyn Mathers), Colin Friels (dott. Clements), Olivia Pigeot . (sig.ra Linton)

Soggetto

Alla fine di un weekend in campeggio, un gruppo di otto ragazzi e ragazze si accorge di essere isolato dai rispettivi nuclei familiari. Ben presto capiscono che la cittadina è stata invasa da un esercito nemico non identificato. Devono allora improvvisarsi soldati per organizzare una difesa contro persone sconosciute.

Valutazione Pastorale

E' utile ricordare che all'origine c'è il primo dei sette libri di cui si compone la saga scritta dall'australiano John Marsden, best seller in patria. Dovrebbe quindi essere l'inizio di un nuovo serial, con al centro alcuni giovani nel pieno dell'entusiasmo dell'età catapultati in situazioni di pericolo del tutto inatteso: Da qui le possibili letture, riguardo le difficoltà del passaggio all'età adulta, il prezzo da pagare alla libertà individuale, l'incontro/scontro con le decisioni da prendere per la prima volta. Forse questo (e gli altri) sono romanzi di formazione, a delineare quella terra di nessuno nella quale si prova la paura di crescere. Forse anche la trspoaizione voleva muoversi in questo senso. Gli esiti sono molto contraddittori. La realizzazione è buona, bene per ambienti e ritmo, menca una anche minima spiegazione su quello che è successo, su chi è il nemico, cosa vuole e perché. Resta l'impresione che il vero nucleo dal racconto sia tra le cose non dette. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e però segnato da superficialità.

Utilizzazione

Il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, ben tenendo presente quanto detto sopra. Attenzione è da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di dvd e di altri supporti tecnici.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film