IL GIURATO * *

Valutazione
Discutibile, Crudo
Tematica
Giustizia
Genere
Drammatico
Regia
Brian Gibson
Durata
105'
Anno di uscita
1996
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
THE JUROR
Distribuzione
Columbia Tristar film Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Ted Tally tratto dal romanzo "The Juror" di George Dawes Green
Musiche
James Newton
Montaggio
Robert Reitano

Sogg.: tratto dal romanzo "The Juror" di George Dawes Green - Scenegg.: Ted Tally - Fotogr.: (scope/ a colori) Jamie Anderson - Mus.: James Newton - Montagg.: Robert Reitano - Dur.: 105' - Produz.: Irwin Winkler, Rob Cowan

Interpreti e ruoli

Demi Moore (Annie Laird), Alec Baldwin (Il "Maestro"), Joseph Gordon-Levitt (Oliver), Anne Heche (Juliet), James Gandolfini (Eddie), Tony Lo Bianco (Louie Boffano), Lindsay Crouse, Michael Constantine, Matt Craven, Todd Susman, Michael Rispoli, Julie Halston, Polly Adams

Soggetto

Nel preparare la composizione della giuria per il processo al boss Louie Boffano, accusato di omicidio, l'autorità giudiziaria vi ha anche inclu-so una madre single, Annie Laird, che vive insieme al figlio dodicenne Oli-ver, scolpendo nel legno strane scatole-sorpresa. E' proprio per le sue doti determinate che la mafia di New York ha deciso di plagiarla avvalendosi della collaborazione esterna di un individuo chiamato il "Maestro", esperto in mille artifizi tecnici, intelligente e piacente. Se Boffano vuole uscirne libe-ro da ogni accusa, gli occorre in seno alla giuria un elemento persuasore e forte (un altro a lui favorevole è già stato inserito). Annie, costantemente pedinata da Eddie (l'autista del boss mafioso), accattivante quanto infaticabi-le, è stata a lungo studiata e valutata dal misterioso "Maestro", che comincia con l'acquistare dalla donna alcuni suoi lavori scolpiti. Presto segue il resto (pressioni psicologiche ed amorose) e infine il ricatto odioso: Oliver verrà sequestrato e ucciso se lei per Boffano dovesse votare colpevole. La pressio-ne esercitata dal "Maestro" è fortissima e il terrore si impadronisce di lei dopo l'uccisione della sua amica Juliet da parte del "Maestro". Per cui, pur di salvare Oliver e se stessa, in una motivata dichiarazione (in realtà le prove a carico sono esilissime, se non inesistenti) la donna semina dubbi nei membri della giuria, sicché Boffano finisce per essere rilasciato. Dopo il processo Annie riesce a comunicare a Boffano che il "Maestro" intende tradirlo. Que-sti ormai urtatosi con il boss lo incontra in luogo desolato dove riesce ad ucciderlo insieme ai suoi accoliti. Indi il "Maestro" per vendicarsi di Annie (trasferitasi con il figlio in Guatemala) riesce a localizzarla inseguendo Oli-ver nel corso di una festa folcloristica dentro un antico tempio Maia, ma viene ferito da alcuni mercenari. Sopraggiunge Annie che riesce ad impadro-nirsi della pistola del "Maestro". Questi, recuperata un'altra pistola, nel ten-tativo di ucciderla viene ucciso da Annie.

Valutazione Pastorale

I punti di forza del film (tratto dal romanzo di Geor-ge Dawes Green) sono due: la situazione personale di ogni giurato che venga chiamato a far parte della giuria in un processo penale ed il particolare rap-porto psicologico stabilitosi qui fra Annie ed il suo persecutore, colui che dovrà seguirla, studiarla ed esercitare un plagio angoscioso, mentre la donna, pur se terrorizzata, gli appare ricca di intelligenza e fierezza, comunque deci-sa a salvare il figlio. Il tema offre motivo ad uno studio approfondito delle due personalità ed ottima cosa hanno fatto sceneggiatore e regista ad utilizza-re per il procedimento giudiziario lo spazio minimo necessario. La storia si dipana con scioltezza e credibilità: il film ha molto di tutto ciò che può attira-re ed interessare lo spettatore per la sua cupezza (spesso accentuata dalla fotografia) e per il terribile ricatto che incombe sulla vita di Annie, obbligata ad un gioco pericolosissimo per salvare il figlio. Nella interpretazione appaiono degni avversari Demi Moore ed Alec Baldwin, peraltro un po' levi-gato e patinato. Alcune scene e situazioni sia violente sia scabrose motivano la valutazione.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film