INDIAVOLATO

Valutazione
Accettabile-riserve, ambiguità
Tematica
Donna, New age
Genere
Commedia
Regia
Harold Ramis
Durata
93'
Anno di uscita
2001
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Bedazzled
Distribuzione
20th Century Fox Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Larry Gelbart basato sulla sceneggiatura originale scritta da Peter Cook su una storia di Peter Cook e Dudley Moore
Musiche
David Newman
Montaggio
Craig Herring

Orig.: Stati Uniti (2000) - Sogg.: basato sulla sceneggiatura originale scritta da Peter Cook su una storia di Peter Cook e Dudley Moore - Scenegg.: Larry Gelbart - Fotogr.(Panoramica/a colori): Bill Pope - Mus.: David Newman - Montagg.: Craig Herring - Dur.: 93' - Produz.: Harold Ramis, Trevor Albert.

Interpreti e ruoli

Brendan Fraser (Elliot Richards), Elizabeth Hurley (il diavolo), Frances O'Connor (Alison Gardner), Orlando Jones (Dan), Miriam Shor (Carol), Paul Adelstein (Bob), Toby Huss (Jerry)

Soggetto

Impiegato come consulente tecnico presso una società di computer, Elliot non è proprio quello che si dice un tipo di successo. Lui prova ad essere estroverso e generoso, invita i colleghi ad uscire insieme, ma tutti inesorabilmente lo evitano. Dopo l'ultimo fallimento, nel locale in cui si trova arriva il Diavolo sotto le forme di una bellissima ragazza. Si trasferiscono in un night-club, dove tutti all'improvviso lo salutano. Il Diavolo allora gli propone il contratto: sette desideri in cambio dell'anima. Elliot firma, e comincia ad esprimere i desideri. Eccolo, ricco e potente, sposato con Alison, la ragazza di cui da tempo è innamorato. Ma lui è un narcotrafficante, e Alison lo disprezza. Come secondo desiderio chiede allora di essere l'uomo emotivamente più sensibile del mondo, cosicchè Alison possa amarlo. L'esperimento però fallisce. Nel terzo desiderio Elliot diventa un campione di basket, Alison fa la giornalista, ma anche stavolta il loro incontro finisce male. Nel quarto Elliot è intelligentissimo, parla bene, e Alison va a casa sua, ma sul letto c'è un uomo, perchè lui è gay. Nel quinto, Elliot vuole essere presidente degli USA. Diventa Abramo Lincoln, e tutto va a rotoli. Dopo aver chiesto un hamburger che scopre valere come sesto desiderio, Elliot ormai ne ha uno solo da esprimere. Il Diavolo allora lo fa arrestare e gli dice di esprimere la volontà di essere liberato. Elliot risponde che non vuole più ottenere cose per magia, e il settimo desiderio è che Alison abbia vita felice. Quindi Elliot rompe il contratto e si tiene l'anima. Quando torna a casa, Elliot vede una nuova vicina: si chiama Nicole, ma è uguale ad Alison.

Valutazione Pastorale

Come riferimento di fondo c'è il film "Il mio amico il diavolo", sulla cui sceneggiatura é stata costruita questa sorta di 'remake'. Anche in questo caso siamo di fronte ad un copione ormai 'tradizionale': l'uomo modesto (il cittadino medio) riceve la visita del Diavolo (che è tentatore, quindi donna, e molto bella) e fa con lui un patto per migliorare la propria vita. Ma i traguardi 'falsi' non sono mai soddisfacenti, e l'uomo capisce che i veri successi sono quelli che si ottengono nell'autenticità della vita quotidiana. La storia è una storiella, pretesto per situazioni a vario titolo brillanti, alcune più altre meno riuscite. Il tono è disimpegnato, blandamente umoristico, di modesto spessore. In sostanza una commedia leggera, con poche pretese, punteggiata però da interventi un po' buttati lì, che riguardano il rapporto bene/male, il Dio e il Diavolo, la religione. Tutto sempre a livelli accennati e affrettati, ma detto con frasi che possono ingenerare dubbi ed equivoci. Per questo il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile, aggiungendo riserve per le ambiguità create da quegli estemporanei interventi. UTILIZZAZIONE: il film può esssre utilizzato in programmazione ordinaria. Non si vedono altre possibili forme di utilizzazione.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film