INNAMORARSI A MANHATTAN

Valutazione
Accettabile, poetico
Tematica
Bambini, Famiglia - genitori figli
Genere
Commedia
Regia
Mark Levin
Durata
90'
Anno di uscita
2006
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Little Manhattan
Distribuzione
20th Century Fox Italia
Musiche
Chad Fisher
Montaggio
Alan Edward Bell

Orig.: Stati Uniti (2005) - Sogg. e scenegg.: Jennifer Flackett - Fotogr.(Scope/a colori): Tim Orr - Mus.: Chad Fisher - Montagg.: Alan Edward Bell - Dur.: 90' - Produz.: Gavin Polone.

Interpreti e ruoli

Josh Hutcherson (Gabe Burton), Charlie Ray (Rosemary Telesco), Bradley Whitford (Adam Burton), Cynthia Nixon (Leslie Burton), Willie Garson (Ralph), Tonye Patano (Birdie), J. Kyle Manzay (Coles), Josh Pais (Ronny), John Dossett (Mickey Telesco), Talia Balsam (Jackie Telesco)

Soggetto

A New York Gabe, undici anni, mentre frequenta il corso di karatè, si innamora della coetanea Rosemary. Gabe avverte sensazioni mai provare prima, ma é molto timido e non sa come dichiararsi. La sua piccola crisi sentimentale si intreccia con quella dei suoi genitori che vivono insieme in attesa della separazione. Gabe passa alti e bassi, vede 'rivali' dappertutto, riesca finalmente a dare alla ragazzina un rapido bacio. Quando arriva l'estate, lei gli dice che partirà per il campeggio e che, dopo, frequenterà una nuova scuola privata. Ora la delusione diventa in Gabe un dolce ricordo. E intanto i genitori, che non hanno voluto lasciare solo il figlio in questo momento di crescita, riscoprono reciproco affetto e decidono di riprendere la vita in comune.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una piacevole commedia che, con piccoli, essenziali tocchi, riesce a proporsi come il diario delle prime emozioni di un adolescente. Tutto é azzeccato e misurato: la confusa descrizione dei sentimenti, la paura, la rabbia, il batticuore, la sensazione di trovarsi ad affrontare qualcosa per la quale bisogna essere più grandicelli. E quindi aspettare, almeno ancora un po'. Delicato è il rapporto con i genitori, semplice nell'insieme lo svolgimento del racconto, ma non privo di momenti di commozione. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come accettabile, e anche poetico. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, e recuperato come proposta ben calibrata sul tema degli affetti nell'età adolescenziale.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film