LA VERITA’,VI PREGO, SULL’AMORE

Valutazione
Discutibile, scabrosità
Tematica
Amicizia, Sessualità, Solidarietà-Amore
Genere
Commedia
Regia
Francesco Apolloni
Durata
113'
Anno di uscita
2001
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
Columbia Tristar Films Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Francesco Apolloni, Gianni Cardillo tratto dal testo teatrale omonimo scritto da Francesco Apolloni
Musiche
Alessandro Milinari
Montaggio
Rita Rognoni

Orig.: Italia (2001) - Sogg.: tratto dal testo teatrale omonimo scritto da Francesco Apolloni - Scenegg.: Francesco Apolloni, Gianni Cardillo - Fotogr.(Scope/a colori): Giulio Pietromarchi - Mus.: Alessandro Milinari - Montagg.: Rita Rognoni - Dur.: 113' - Produz.: Gianfranco Piccioli, Mino Barbera.

Interpreti e ruoli

Francesco Apolloni (Lorenzo), Carlotta Natoli (Monica), Pierfrancesco Favino (Michelangelo), Elda Alvigini (Elisabetta), Veronika Logan (Giulia), Giacinto Palmarini (Gabriele), Yari Gugliucci (Angelo), Barbara Snellemburg (Olga), Alberto Molinari (Luca), Gabriella M.Pession (Gisella), Beatrice Fazi (la giapponese), Mauro Meconi (Pechino)

Soggetto

Monica ama Lorenzo, ma lui resta indifferente perché é innamorato di Olga. Costei intanto accetta l'invito di Luca per fare un servizio fotografico, poi si incontra con Lorenzo: lui le regala un anello, lei dice che è stata con altri uomini e lui la schiaffeggia. Questi e altri personaggi si ritrovano per S.Valentino a casa di Elisabetta e Michelangelo, che vivono insieme da due anni ma non passano un buon momento. Arrivano anche Giulia e Gabriele, Angelo e poi Gisella. Michelangelo, prima di tornare a casa, ha incontrato Midori, una turista giapponese, che gli ha detto di vederlo non in buona salute e lo ha invitato ad un nuovo incontro. A casa il gruppo, al quale si é aggiunto un garzone invitato a rimanere, cerca di parlare dell'amore. Dopo qualche intervento, Tutti accettano di vedere un cortometraggio girato da Luca. Ma l'atmosfera si fa pesante, e Michelangelo decide di raggiungere in un locale la giapponesina. Tra i presenti intanto i rapporti si fanno più tesi, e finalmente Gabriele rompe gli indugi, si lancia verso Angelo, lo bacia e lui si fa abbracciare. Elisabetta intanto guarda le lastre di Michelangelo, che poco dopo torna, confessa a Elisabetta di avere un tumore ai testicoli, e quindi si apparta in camera con Midori. Tutti gli altri, esausti, si addormentano. E' quasi l'alba. Lorenzo accompagna Gisella.

Valutazione Pastorale

Tratto dall'omonimo testo teatrale scritto dal regista (e attore nel ruolo di Lorenzo), il film si propone come il ritratto di una generazione di trentacinquenni colti in un momento delicato della propria vita soprattutto sul piano affettivo. Il titolo in questa ottica appare significativo: si tratta di capire qualcosa di più sulle spinte emotive che nascono di fronte alle pulsioni dell'amore. Ma l'amore è soddisfazione momentanea e solo istintuale, o è qualcosa di più profondo, che mette in campo sentimenti, sfere interiori, capacità di costruire insieme qualcosa che dura nel tempo? Questa generazione si pone le domande, ma non sa le risposte, non ha i punti di riferimento per cercarle, arriva all'età matura dopo lunghi anni in cui è stato proclamato che l'amore era un' inutile presenza, un di più insignificante, un ostacolo allo sviluppo delle problematiche sociali. E oggi la confusione è tanta. Il copione la fotografa, certo tra alti e bassi: eccessi verbali, di dialogo, nella descrizione di situazioni stereotipate, in qualche concessione alle esigenze commerciali; ma dall'altro con momenti indovinati di vero dolore, di misurato smarrimento, di volontà di cambiare. Si potrebbe definire il testo (e il film) sofferto e irritante: l'amore non c'é ma esiste anche quando non lo si vede. La parte sincera resta una interessante testimonianza dei tempi e induce, dal punto di vista pastorale a valutare il film come discutibile, segnalandone le frequenti scabrosità. UTILIZZAZIONE: più che in programmazione ordinaria, il film é da utilizzare in occasioni mirate, come ritratto generazione italiano che può offrire spunti di intervento. Attenzione comunque per i minori in caso di passaggi televisivi.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film