LE ALI DI KATJA

Valutazione
Accettabile, semplicistico
Tematica
Adolescenza, Amicizia, Ecologia, Film per ragazzi
Genere
Favolistico
Regia
Lars Hesselholdt
Durata
80'
Anno di uscita
2000
Nazionalità
Danimarca, Italia
Titolo Originale
Katja's adventure
Distribuzione
Mikado Film
Soggetto e Sceneggiatura
Lars Hesselholdt & Pascal Lonhay con la consulenza di Carlotta Ercolino basato su una storia di Lars Hesselholdt e Tina Rud Mogensen
Musiche
Gabriele Ducros
Montaggio
Molly Malene Stensgaard

Orig.: Danimarca/Italia(1999) - Sogg.: basato su una storia di Lars Hesselholdt e Tina Rud Mogensen -Scenegg.: Lars Hesselholdt & Pascal Lonhay con la consulenza di Carlotta Ercolino - Fotogr.(Panoramica/a colori): Marco Pontecorvo - Mus.: Gabriele Ducros - Montagg.: Molly Malene Stensgaard - Dur.: 80' - Produz.: Angel Arena (Danimarca); Roberto Ciccutto, Luigi Musini (Italia).

Interpreti e ruoli

Fanny Bernth (Katja), Alessandro Haber (Don Fanucci), Lina Sastri (la mamma), Stefan Jurgens (camionista), Aurelio Apicella (cantante d'opera), Loris Tocci (Francesco), Simone La Vecchia (Mauro), Mirko Casaburo, Raimondo Guida.

Soggetto

Katja ha nove anni ed é appassionata di uccelli. Abita in un sobborgo di Copenaghen ed é abituata ad esplorare ogni giorno un bosco vicino. Così un giorno con il binocolo scopre una famiglia di falchi e capisce che un temporale ne ha distrutto il nido. Combattendo contro il maltempo, salva il più piccolo della nidiata, lo mette al riparo e gli dà il nome Skreek. Portato in ambito urbano, Skreek fugge e Katjia lo trova caduto nelle grinfie di un impagliatore di uccelli per hobby. Per seguire l'uomo Katja sale su un camion, si addormenta e, quando si sveglia, é arrivata in Italia, nella zona di Sorrento. Incontra alcuni ragazzi, piccoli scugnizzi, con i quali fa amicizia. Poi in piazza, in una gabbia, vede il falco, cerca di prenderlo ma il venditore dice che ci vogliono 200mila lire per comprarlo. Allora Katja e i ragazzi si danno da fare con piccoli lavoretti per mettere insieme la somma. Intanto anche Fanucci, un ornitologo che cerca volatili da impagliare, ha adocchiato il falco e incarica un altro ragazzo di portarglielo. Katjia e gli amici hanno i soldi, ma il falco é già stato portato via. Allora vanno a casa di Fanucci, di nascosto prendono la gabbia, la aprono. Il falco vola via libero. Katja sale su un Tir e torna in Danimarca. I genitori non si sono accorti di niente.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una favola di sapore ecologista, una storia piccola e simpatica con poco margine di realismo ma con molte idealità viste dalla parte del pubblico dei ragazzi. Muovendosi tra la Danimarca e l'Italia , ossia tra il Nord e il Sud d'Europa (accostamento insolito anche per i differenti modi di approccio al mondo naturale), il film mette in campo molta buona volontà, tante belle intenzioni e contenuti evidenti ma sempre utili da sottolineare: l'amore per l'animale libero nel proprio ambiente; la socializzazione con l'animale; l'incontro con le difficoltà, l'opportunità di misurare se stessi, la volontà, la caparbietà; e tanto altro. Lo stampo fiabesco rende comprensibili certi eccessi narrativi, quale quello della totale assenza dei genitori di Katja. Dal punto di vista pastorale, un film apprezzabile e gradevole, da valutare come positivo,accettabile e semplicistico: la parte in Italia ha qualche momento sterotipato, un po' da cartolina, con attori (Haber e la Sastri) che recitano in fretta e furia, quasi non sapessero dove sono capitati. UTILIZZAZIONE: più che in programmazione ordinaria, il film é da utilizzare come proposta per ragazzi, nelle scuole, in occasioni ricreative e didattiche: un modo divertente per parlare di temi importanti.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film