MARE DENTRO

Valutazione
Discutibile, Problematico, dibattiti**
Tematica
Eutanasia
Genere
Drammatico
Regia
Alejandro Amenabar
Durata
125'
Anno di uscita
2004
Nazionalità
Spagna
Titolo Originale
Mar adentro
Distribuzione
Lucky Red
Musiche
Alejandro Amenabar

Orig.: Spagna (2004) - Sogg. e scenegg.: Alejandro Amenabar, Mateo Gil - Fotogr.(Scope/a colori): Javier Aguirresarobe - Mus.: Alejandro Amenabar - Montagg.: - Dur.: 125' - Produz.: Fernando Bovaira, Alejandro Amenabar.

Interpreti e ruoli

Javier Bardem (Ramon Sampedro), Belén Rueda (Julia), Lola Duenas (Rosa), Mabel Rivera (Manuela), Celso Bugallo . (José), Clara Segura (Gené), Joan Dalmau (Joaquin), Alberto Jimenez (Germàn), Tamar Novas (Marc), José Maria Pou (padre Francisco), Alberto Amarilla . (fratel Aandres)

Soggetto

Ramon Sampedro ha ormai passato i cinquanta anni. Da quando ne aveva venticinque, vive paralizzato dal collo in giù in seguito ad un tuffo finito rovinosamente nella bassa marea. Ad accudirlo, in una fattoria di campagna, c'è la famiglia del fratello maggiore (la moglie Manuela, il figlio Javi, il vecchio padre). Da tempo l'unico desiderio di Ramon è quello di mettere fine alla propria vita in maniera dignitosa. L'eutanasia in Spagna é proibita, ma in suo aiuto arriva Julia, un avvocato disposto a portare in tribunale e anche in parlamento la battaglia per l'affermazione di quel principio. C'è poi anche Rosa, una donna del paese, madre di due figli piccoli, conquistata dalla forza magnetica di Ramon e desiderosa di convincerlo che vivere é in ogni caso la scelta migliore. Presente in tribunale nella seduta in cui la Corte rigetta per l'ultima volta la sua richiesta di eutanasia, Ramon decide allora di dare il via ad un piano a lungo studiato che gli consentirà di darsi la morte senza che possa venire incriminato alcuno dei suoi parenti. Muore il 12 gennaio 1998.

Valutazione Pastorale

Il personaggio, come si sa, é autentico. Ramon Sampedro nasce nel 1943 nella regione della Coruna. Appassionato di mare, a 19 anni si imbarca e comincia a girare il mondo. A venticinque anni, tornato in Spagna, si tuffa da uno scoglio senza aver calcolato la presenza della risacca marittima. Resta paralizzato dal collo in giù. Ben presto prende la decisione di morire ma la totale paralisi lo obbliga a chiedere ad altri di farlo e quindi ad avere dei complici. "La morte é un tema ricorrente nei miei film -dice Amenabar- ma se 'The Others' era una visione della famiglia a partire dal lato oscuro, dalla morte, 'Mare dentro' é una visione della morte a partire dalla vita, dalla quotidianità, da un lato molto luminoso...". Va detto in effetti che il film non sembra da leggere come una tesi a favore dell'eutanasia ma piuttosto come un compendio di tutti gli argomenti che entrano in gioco quando si presenta una situazione così tragica e delicata. C'è semmai da aggiungere qualcosa sulla confezione di questo 'compendio': Amenabar spinge forte sul tasto della commozione, riscrivendo i personaggi di contorno in un quadro di alternanza di dolori e gioie (l'avvocatessa a sua volta malata; la ragazza che invece si sposa e diventa mamma), e niente risparmiando riguardo a soluzioni che dal dramma scivolano nel melodramma. Ne deriva un lavoro di forti contenuti letterari-emotivi, che chiedono coinvolgimenti sentimentali e lasciano un groppo alla gola, toccando le corde interiori e risvolti che fanno scontrare in ognuno di noi ragione e irrazionalità. L'approccio al tema è laicizzante ma la presenza/assenza del sacerdote a sua volta paralizzato non é del tutto irriverente o gratuita. Del resto l'argomento é estremamente difficile da affrontare e, se qualche punto di partenza ci deve essere, questo può essere uno. Dal punto di vista pastorale dunque il film é da valutare come discutibile, problematico e da affidare a dibattiti. UTILIZZAZIONE: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria e, più opportunamente, in occasioni mirate, dove sia possibile allargare la riflessione sull'argomento. Attenzione é da tenere per i minori in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film