MIA MOGLIE È UNA PAZZA ASSASSINA?

Valutazione
Discutibile, Grossolanità
Tematica
Genere
Commedia
Regia
Thomas Schlamme
Durata
98'
Anno di uscita
1994
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
SO I MARRIED AN AXE MURDERER
Distribuzione
Columbia Tristar film Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Robbie Fox
Musiche
Bruce Broughton

Sogg. e Scenegg.: Robbie Fox - Fotogr.: (normale/a colori) Julio Macat - Mus.: Bruce Broughton - Mont.: Richard Halsey, Colseen Halsey - Dur.: 98' - Prod.: Robert N. Fried, Cary Woods

Interpreti e ruoli

Mike Myers (Charlie Mackenzie/Stuart Mackenzie), Nancy Travis (Harriet Michaels), Anthony La Paglia (Tony Giardino), Amanda Plummer (Rose Michaels), Brenda Fricker (May Mackenzie), Matt Doherty (Meed), Debi Mazar (Susan), Charles Grodin, Phil Hartman, Steven Wright, Patrick Bristow

Soggetto

San Francisco. Il giovane Charlie Mackenzie vive con i genitori scozzesi, si esibisce ad un circolo di poesia e colleziona disavventure sentimentali. Ma l'incontro con la bella macellaia Harriet Michaels, che vive con la sorella Rose, cambia la sua vita, anche se inquietanti indizi (la scomparsa di tre giovani sposi nelle città frequentate dalla ragazza) la collegano ad una misteriosa assassina che ha già eliminato tre mariti. L'assassinio di un idraulico di nome Ralph (un nome che Harriet mormora nel sonno), spingono Charlie a confidarsi con il poliziotto Tony Giardino. Un controllo fa scoprire che i tre mariti di Harriet sono scomparsi. Sconvolto, Charlie lascia la ragazza, ma quando una donna si accusa dell'omicidio dell'idraulico si rimette con lei, e durante i festeggiamenti del 30° anniversario del matrimonio dei genitori la chiede in moglie. Ma sono appena partiti per il viaggio di nozze che la presunta killer di Ralph risulta una squilibrata. Tony, che sembra avere la certezza della colpevolezza di Harriet e del pericolo che corre l'amico, tenta di avvisarlo, ma le linee telefoniche sono interrotte: prende così un aereo per raggiungerlo. Riesce a telefonargli durante la cena, ma la direzione dell'albergo costringe gli sposini a ritirarsi in camera, dove Charlie chiude Harriet nel ripostiglio dei vestiti. Ma ecco apparire la vera killer, che è la sorella Rose, una psicopatica, che tenta, in un rocambolesco inseguimento sui tetti, di eliminarlo a colpi d'ascia. Tony soppraggiunto, ammanetta l'innocente Harriet, ma poi costei riesce a convincerlo della sua innocenza, ed il poliziotto, accorrendo in aiuto di Charlie, afferra in extremis Rose, in procinto di cadere dal tetto e l'arresta.

Valutazione Pastorale

commedia piuttosto sgangherata questa diretta da Thomas Schlamme senza alcuna finezza. I genitori di Charlie, volgare caricatura della tradizionale rudezza e sfrontatezza scozzese, sono personaggi particolarmente antipatici, e se Nancy Travis inserisce barlumi di femminilità e gentilezza qua e là ci pensa l'insopportabile Mike Myers (che con piglio da mattatore si sdoppia nella caricatura del padre e del figlio) ad insistere su varie grossolanità. Ad attenuante parziale potrebbe essere invocato il doppiaggio, che nelle commedie basate su giochi di parole in rima (come nel caso delle poesie recitate da Charlie al circolo dei poeti o all'amata per riconquistarla dopo che l'ha lasciata) divengono in italiano francamente penose. Ma, visto il tono generale e l'impianto narrativo della vicenda, non crediamo che la versione in lingua originale fornisca elementi tali da riscattare la sostanziale volgarità del film. Lavoro mediocre, insomma, e anche se alla fine trionfa la verità, risulta pastoralmente discutibile per le grossolanità insistite, per certe situazioni e per i doppi sensi.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film