NELLA TANA DEL SERPENTE

Valutazione
Discutibile, Crudezze
Tematica
Genere
Drammatico
Regia
Rob Holcomb
Durata
95'
Anno di uscita
1991
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
CHAINS OF GOLD
Distribuzione
Penta Distribuzione
Soggetto e Sceneggiatura
John Petz, Linda Favila, Anson Downes, John Travolta
Musiche
Trevor Jones
Montaggio
Christopher Nelson

Sogg. e Scenegg.: John Petz, Linda Favila, Anson Downes, John Travolta - Fotogr.: (normale/a colori) Bruce Surtees, Dariusz Adam Wolski - Mus.: Trevor Jones - Montagg.: Christopher Nelson - Dur.: 95' - Produz.: Jonathan D. Krane

Interpreti e ruoli

John Travolta (Scott Barnes), Marilu Henner (Jackie), Bernie Casey (Palco), Benjamin Bratt (Carlos), Ramon Franco (James), Conchata Ferrell (Signora Burke), Tammy Laurent (Rachel Burke), Hector Elizondo, Joey Lawrence, Raphael Rey Gomez, Jack Lam, Anson Downes

Soggetto

Scott Barnes, che ha provocato per ubriachezza la morte del figlio in un incidente d'auto, ed è stato perciò abbandonato dalla moglie divenuto sobrio, cerca di placare i rimorsi, dedicandosi con entusiasmo al suo lavoro di assistente sociale nei quartieri poveri di Miami, dove si è affezionato al tredicenne Tommy, che gli ricorda suo figlio. Recentemento Tommy lo preoccupa, perché procura troppi soldi alla madre ubriacona e alla sorella maggiore Rachel, e non vuole confidarsi con lui. Barnes teme che il ragazzino sia finito nel giro degli spacciatori di crack, la droga più pericolosa, diffusa nella zona da una grossa organizzazione, comandata da Carlos, giovane re della malavita locale. Ma il bambino tace, appare spaventato, e improvvisamente sparisce, cosicché Scott si dedica con tanto zelo alla sua ricerca da essere cacciato dal lavoro. Dopo aver chiesto invano l'aiuto del sergente Palco, prossimo alla pensione, e del tenente Ortega, della Narcotici, che non lo vuole intorno, perché teme danneggi una sua importante e segreta operazione, nella quale egli sta rischiando la vita di suo figlio, Scott incontra Jackie e una sua ex amante, divenuta la ricca avvocatessa di Carlos. La donna lo aiuta ad entrare nell'organizzazione di Carlos, dove viene istruito da James (braccio destro del capo, ma in realtà figlio di Ortega) sulle regole della banda, vede così che i bambini spacciano per la strada, consegnando poi l'incasso ai più adulti ma sono dei veri schiavi, che non possono più liberarsi, e vengono puniti con una morte atroce, se tradiscono. Tommy, che è ora fra i puniti, prepara la droga insieme a molti compagni poi, avendo tentato la fuga, viene chiuso in gabbia, incatenato e condannato a morte. Carlos, che sa farsi ammirare dai suoi molti seguaci coi quali è largo di preziosi doni, uccide però ferocemente i traditori, o gettandoli in pasto ai coccodrilli, che tiene in un pozzo, o torturandoli a morte col fuoco. Trovato finalmente Tommy, Scott cerca di salvarlo ma viene smascherato e inseguito, e Jackie è uccisa. Mentre Palco e Ortega, coi loro uomini attaccano e sconfiggono la banda, Scott sostiene un duello mortale con Carlos, che muore, cadendo nel pozzo dei coccodrilli, mentre Scott libera Tommy, e placa così il suo antico rimorso.

Valutazione Pastorale

il film ha un inizio abbastanza efficace, ma presto diventa molto prevedibile, e si sviluppa fra personaggi di maniera, e colpi di scena banali. Non si resta perciò emotivamente coinvolti, nonostante vengano mostrati dei bambini-schiavi, costretti a spacciare droga, picchiati, incatenati. Fra doppi giochi (spesso confusi), feroci spacciatori, coccodrilli famelici, e lotte sostenute in posizioni precarie, la vicenda procede in modo rozzo, e giunge alla fine, senza aver causato una sola vera emozione. Anche se molte scene appaiono violente, è positiva la dedizione del protagonista, che affronta tanti pericoli mortali per salvare il piccolo amico, è ammirevole il coraggio di quanti gli danno aiuto. Sia la regia che l'interpretazione sono poco efficaci, anche se John Travolta cerca d'impegnarsi. Si può notare che il tema della schiavitù di bambini e ragazzi poverissimi, reclutati fra portoricani e negri, avrebbe potuto essere validamente trattato in un lavoro, che avesse voluto fare una vera denuncia sociale.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film