PEGGIO DI COSÌ SI MUORE *

Valutazione
Accettabile, Brillante
Tematica
Genere
Surreale
Regia
Marcello Cesena
Durata
88'
Anno di uscita
1995
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
PEGGIO DI COSÌ SI MUORE
Distribuzione
Lucky Red
Soggetto e Sceneggiatura
Marcello Cesena, Ugo Dighero
Musiche
Paolo Silvestri
Montaggio
Anna Napoli

Sogg. e Scenegg.: Marcello Cesena, Ugo Dighero - Fotogr.: (panoramica/a colori) Regis Blondeau - Mus.: Paolo Silvestri - Montagg.: Anna Napoli - Dur.: 88' - Coproduz.: Angel Film, Palomar, Roma - Banfilm; La Sept Cinema, Paris - Mate Productions, Madrid

Interpreti e ruoli

Carla Signoris (Anna), Maurizio Crozza (Carlo), Ugo Dighero (Jack), Mauro Pirovano (Carmine), Marcello Cesena (Claudio), Rossy De Palma (Myrna), Jacky Nercessian (Flanagan), Gisella Sofio, Isa Gallinelli, Mauro Marino, Massimo Olceste, Adolfo Margiotta

Soggetto

di ritorno dal viaggio di nozze, due giovani sposi, Anna e Carlo, scoprono che nella valigia scambiata per errore all'aeroporto ci sono cinquecento milioni di lire. Mentre Carlo vorrebbe restituire i soldi, Anna lo convince a tenerseli ed a comprarci un appartamento. Alla festa di inaugurazione della nuova casa si presentano anche Carmine e Jack, i due malavitosi proprietari del denaro, messi sulle loro tracce da un annuncio di Carlo. Qui Carmine dopo aver flirtato con Myrna, amica spagnola di Anna, concede alla coppia quindici giorni di tempo per vendere la casa: si presenta una serie di balordi acquirenti tra cui un'isterica coppia con cagnolino, ma nessuno compra. Quando Carmine si presenta a riscuotere, Anna è sola in casa: costei, impaurita, dopo avergli amputato involontariamente un dito con la porta, lo fa accidentalmente morire fulminato nella vasca del bagno. Nascostolo nel tappeto con l'aiuto dell'esterrefatto Carlo, insieme a questi Anna riceve una visita di Myrna e (dopo aver murato il corpo di Carmine nella dispensa) quella della coppia con cagnolino, che il fantasma di Carmine solleva in aria terrorizzandola. Lo spettro accompagna poi in automobile i due che cercano scampo nello chalet di montagna dove Claudio, fratello di uno dei due coniugi, trova l'ispirazione per scrivere un libro su di loro. Frattanto Jack, sequestrata Myrna, si dirige con un'automobile verso lo chalet. Anche il commissario Flanagan, che seguiva i banditi, scoperto il cadavere ed interrogata la madre di Anna, sta arrivando. Mentre Jack muore nell’esplosione dell’automobile, Anna e Carlo nel deserto messicano dovranno fuggire inseguiti dalla polizia e, successivamente, dai fantasmi di Carmine e Jack.

Valutazione Pastorale

tra tanti film gialli e demenziali partoriti da attori formatisi alla televisione questo ha indubbiamente una statura ed una struttura che sembra nobilitare il gruppo dei Broncoviz che con la fortunata trasmissione "Avanzi" aveva creato una nutrita schiera di seguaci. Carla Signoris ritaglia qui un gustoso ritratto di moglie, intraprendente e truffaldina, accentuato dalla gustosa complicità della simpatica Rossy De Palma. I dialoghi sono ben scritti ed alcune gag funzionano anche se qualche ingenuità narrativa e di sceneggiatura qua e là inceppa gli ingranaggi della comicità surreale tipica del genere, che ha bisogno di ritmi frenetici per sostenere l'assurdità ed anche i luoghi comuni di cui si riveste inevitabilmente la trama. Comunque si ride senza mai scadere nella volgarità. Le citazioni da film celebri sono tipiche di un gusto tra il rievocativo ed il parodistico che è appannaggio di certa televisione: l'operazione si puo considerare riuscita ed il prodotto finito è tutt'altro che da respingere. Simpatici gli attori che offrono il loro contributo in modo spontaneo e garbato.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film