PERSONAL VELOCITY – Il momento giusto

Valutazione
Discutibile, Problematico, dibattiti
Tematica
Donna
Genere
Drammatico
Regia
Rebecca Miller
Durata
90'
Anno di uscita
2003
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Personal velocity
Distribuzione
Mikado Film
Musiche
Michael Rohaytn
Montaggio
Sabine Hoffman

Orig.: Stati Uniti (2001) - Sogg. e scenegg.: Rebecca Miller dal suo libro di racconti "Personal Velocity" - Fotogr.(Panoramica/a colori): Ellen Kuras - Mus.: Michael Rohaytn - Montagg.: Sabine Hoffman - Dur.: 90' - Produz.: Gary Winick, Lemore Syvan, Alexis Alexanian.

Interpreti e ruoli

N°1 DELIA: Kyra Sedgwick (Delia), David Warshofsky (Kurt), Brian Tarantina (Pete), Mara Hobel (Fay), Leo Fitzpatrick - N°2 GRETA: Parker Posey (Mylert), Tim Guinee (Greta), Wallace Shawn (Lee), Joel de la Fuente (Gelb), Ron Liebman - N°3 PAULA: Fairuza Balk (Thavi), Lou Taylor Pucci (Avram), Seth Gilliam (Paula), David Patrick Kelly (Kevin), Patti D'Arbanville (Vincent), (Peter), (Celia)

Soggetto

N° 1:DELIA - Picchiata ferocemente dal marito Kurt, di cui é innamorata, Delia decide di andare via di casa, portando con sé i tre figli piccoli. Telefona a Fay, amica di un tempo, che la ospita. Trova lavoro in un bar, viene presa di mira dal giovane Mylert che crede di potersi prendere gioco di lei. Allora lo invita ad uscire, lo precede nell'approccio sessuale, lo allontana in modo sbrigativo. Forse il suo equilibrio personale si sta in qualche modo ricomponendo. N° 2: GRETA - Sposata da quattro anni con il tranquillo Lee, Greta lavora in una casa editrice. Vorrebbe essere diversa dal padre Avron, avvocato di successo ma senza scrupoli. L'occasione si presenta quando l'editore le affida la cura di un best seller. Greta incontra l'autore, e da quel momento nuove ambizioni si risvegliano in lei. In un'occasione successiva Greta bacia Tavi. La strada del successo le si apre davanti, il padre non è più così lontano, il marito Lee troppo ordinario e inadatto ai suoi nuovi obiettivi. N° 3: PAULA - Mentre é in macchina, Paula fa salire un ragazzo ricoperto di ferite e decide di aiutarlo. Lungo la strada si ferma a casa della mamma. Il ragazzo resta in macchina. Paula parla alla mamma di Vincent, un haitiano con cui vive, poi aggiunge che è incinta. Quando arriva il nuovo amico della mamma, Paula va via. Le ferite fanno male al ragazzo che si lamenta. Paula vuole curarlo. Allora si ferma di nuovo, telefona Vincent per dirgli che vuole portarlo da loro, poi va in un negozio. Da qui sente la macchina che parte: stavolta il ragazzo, rimasto solo, scappa. Paula non fa niente per fermarlo. Però guarda in alto e si sente più sicura di sé.

Valutazione Pastorale

Tre racconti, tre ritratti di donne scritti (prima sulla pagina e poi sullo schermo) da Rebecca Miller, figlia di Arthur Miller e moglie dell'attore Daniel Day-Lewis. L'abbondante riscorso alla voce narrante fuori campo rinvia a quella letteratura anni '40-'50 (Faulkner, Caldwell...) che disegnò con amaro realismo il destino di una generazione trascurata dal sogno americano. Ritratti dunque che diventano cronaca di un disagio, in un contesto piccolo quasi anonimo eppure emblematico. Sono donne che affrontano situazioni un po' particolari: all'indomani di una a lungo sofferta emancipazione, c'è una femminilità con cui bisogna rifare i conti; c'é una voglia di affermazione attraverso la carriera; c'é una maternità che richiede nuova consapevolezza. Dopo la disperazione del primo atto, e il cinismo del secondo, il terzo offre un po' di respiro, uno spiraglio di prospettiva. Anche se la casualità sembra essere prevalente, i tre momenti introducono frontalmente i temi della violenza e della solitudine, tra realismo e qualche artificio letterario. Discontinuo negli esiti, il film offre comunque molta materia per un discorso su temi profondi e forti e, dal punto di vista pastorale, è da valutare come discutibile, problematico e adatto a dibattiti. UTILIZZAZIONE: più che in programmazione ordinaria, il film si segnala per occasioni mirate, come avvio alla riflessione sugli argomenti sopra indicati (donna, America, letteratura...) e nel confronto con diverse realtà ambientali e sociali. Attenzione è da tenere per i minori in caso di passaggi televisivi.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film