PHENOMENON * * *

Valutazione
Raccomandabile, Problematico
Tematica
Movimenti e sette
Genere
Metafora
Regia
Jon Turteltaub
Durata
123'
Anno di uscita
1996
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
PHENOMENON
Distribuzione
Buena Vista International Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Gerald Di Pego
Musiche
Thomas New
Montaggio
Bruce Green

Sogg. e Scenegg.: Gerald Di Pego - Fotogr.: (scope/ a colori) Phedon Papamichael - Mus.: Thomas New-man - Montagg.: Bruce Green - Dur.: 123'- Produz.: Barbara Boyle, Michael Taylor

Interpreti e ruoli

John Travolta (George Malley), Kyra Sedgwick (Lace Penna-min), Robert Duvall (Doc), Forest Whitaker (Nate Pope), Sean O'Brian, Bruce Young, Michael Milhoan, Vyto Ruginis, Jeffrey De Munn, Richard Kiley, Brent Spiner

Soggetto

Ad Harmon, una tranquilla cittadina della California, in una modesta ma linda casetta, circondata da un piccolo orto, vive George Malley, meccanico d'automobili. Nella cittadina si conoscono tutti: il bar è il punto d'incontro per le quotidiane chiacchiere, per la partita a carte, per tessere e rinsaldare amicizie. Attualmente, George, terminato il lavoro, si reca da Lace Pennamin, una giovane artigiana che si guadagna da vivere fabbricando sedie: costei, abbandonata dal marito, è decisa a non farsi più coinvolgere sentimentalmente; vive con i suoi due figli e vuole dedicarsi solo a loro. Il giorno del suo trentasettesimo compleanno George lo festeggia al bar, con tutti gli amici, ma durante la festa un evento improvviso lo scuote e lo getta a terra. L'evento misterioso lascia tracce nel suo animo: George scopre in sé qualità straordinarie e le mette a profitto. Monta pannelli solari sul tetto di casa; sperimenta nuovi ed efficaci metodi di coltivazione nell'orto; legge con avidità ed apprende, con rapidità e forte intuito, i segreti delle scienze uma-ne; si accorge di possedere anche qualità fisiche insospettate: attira a sé oggetti, sprigiona fasci di energia che provocano effetti strani. Il medico del-la piccola città, Doc, cui George chiede lumi, non sa pronunciarsi. Poi, improvviso, arriva il terremoto: questo fatto che George, inascoltato, aveva previsto, allarma Lace. Successivamente arriva nella piccola città un agente della F.B.I.: un messaggio di George inviato tramite il telegrafista Nate Pope aveva superato il codice segreto, si era inserito nella rete informatica ed ave-va provocato danni enormi, bloccando un programma ritenuto inattaccabile. Sottoposto ad un pressante interrogatorio, dopo aver dichiarato la sua perfet-ta buona fede, George mette in difficoltà lo psicologo che tenta di valutarne il quoziente intellettuale. Recatosi al bar, deluso per le incomprensioni, cade in una forte depressione e sviene. In ospedale il medico gli annuncia i risulta-ti degli esami: ha uno strano tumore al cervello che gli produce ed esalta alcune facoltà; un tumore che gli lascia poco tempo da vivere. I medici vor-rebbero sottoporlo ad un intervento per prelevare ed analizzare questo "tumore" (ne beneficerebbe il progresso scientifico) ma George si rifiuta. Va da Lace: l'incontro con la donna è un "addio". Il mattino seguente Lace con-segna al medico un plico contenente tutti i progetti di George. Un anno dopo la cittadina celebra la festa del compleanno di George, ma di lui, morto, c'è solo la fotografia.

Valutazione Pastorale

Il film è una complessa metafora nella quale la drammatica ed esaltante vicenda di George, cui è concesso il dono della genialità (con l'enorme peso che essa comporta di responsabilità, di sfide personali ed incomprensioni), consente al regista Jon Turteltaub l'opportu-nità di sviluppare un discorso sulla vita, la morte, il rapporto tra scienza e spirito, l'aldilà, l'amore vero e puro, la vera grandezza dell'essere umano. Una metafora ricca di poesia e di sentimenti profondi espressi coralmente da una comunità cittadina che è fraternità e solidarietà, critico e felice contrap-punto a certa scienza fatta solo di aride ricerche che ignorano la dimensione spirituale dell'uomo ed il suo fine trascendente. Un'opera dignitosa il cui positivo messaggio è reso con vivida sensibilità dagli interpreti.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film