Regine del campo

Valutazione
Consigliabile, Semplice, Adatto per dibattiti
Tematica
Amicizia, Donna, Educazione, Famiglia, Famiglia - genitori figli, Matrimonio - coppia, Metafore del nostro tempo, Politica-Società, Solidarietà, Sport
Genere
Commedia
Regia
Mohamed Hamidi
Durata
95'
Anno di uscita
2021
Nazionalità
Francia
Titolo Originale
Une belle équipe
Distribuzione
Academy Two
Soggetto e Sceneggiatura
Alain-Michel Blanc, Camille Fontaine, Mohamed Hamidi
Fotografia
Laurent Dailland
Musiche
Ibrahim Maalouf
Montaggio
Marion Monnier
Produzione
Quad Films, Kiss Films, TF1 Films Productions

Interpreti e ruoli

Kad Merad (Marco), Celine Sallette (Stéphanie), Sabrina Ouazani (Sandra), Alban Ivanov (Mimil), Laure Calamy (Catherine ), Guillaume Gouix (Franck), Andre Wilms (Papy), Oscar Copp (Greg)

Soggetto

Courrières, Nord della Francia. Marco è l’allenatore di una squadra di calcio maschile prossima alla recessione; dopo una rissa, i giocatori vengono tutti sospesi per tre giornate e l’allenatore non ha altra scelta che rimpiazzarli con delle giocatrici, le uniche a volersi mettere in gioco. È l’inizio di un’accesa contesa...

Valutazione Pastorale

Il regista di “In viaggio con Jacqueline” (2017), Mohamed Hamidi, torna con una nuova commedia francese effervescente ma con precise suggestioni sociali. Parliamo di “Regine del campo” (“Une belle équipe”), opera che mette a tema la parità tra donne e uomini nella società odierna attraverso la metafora del calcio. La storia in breve: in una cittadina di provincia nel Nord della Francia Marco (Kad Merad) è l’allenatore di una squadra di calcio maschile prossima alla recessione; quando, dopo una rissa, i giocatori vengono tutti sospesi per tre giornate, l’allenatore non ha altra scelta che rimpiazzarli con delle giocatrici, le uniche a volersi mettere in gioco. È l’inizio di un’accesa contesa nel paese, tra i sostenitori e chi invece difende tenacemente la separazione tra campionato maschile e femminile. Il ritmo di certo non manca, anzi. Il film “Regine del campo” si presenta infatti come una commedia godibile, ben interpretata, che marcia spedita su un binario narrativo semplice ma non privo di occasioni di riflessione. Una simpatica suggestione per mettere a fuoco ancora i tanti, troppi, pregiudizi e barriere esistenti tra uomini e donne nello sport, nel lavoro e in generale nella vita. Dal punto di vista pastorale “Regine del campo” è consigliabile, semplice e per dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in successive occasioni di dibattito sul ruolo della donna nello sport, nella famiglia e nella società, mettendo a fuoco i troppi pregiudizi e barriere ancora esistenti. Considerando i temi, il film è indicato per un pubblico adulto o di adolescenti accompagnati.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV