SE LO SCOPRE GARGIULO

Valutazione
Discutibile, Scabrosità
Tematica
Genere
Commedia
Regia
Elvio Porta
Durata
114'
Anno di uscita
1988
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
SE LO SCOPRE GARGIULO
Distribuzione
C.D.I.
Soggetto e Sceneggiatura
Elvio Porta
Musiche
Pino Daniele
Montaggio
Mario Morra

Sogg. e Scenegg.: Elvio Porta - Fotogr.: (panoramica/a colori) Alfio Contini - Mus.: Pino Daniele - Montagg.: Mario Morra - Dur.: 114' - Produz.: Ama Film, Titanus Produzione, Reteitalia

Interpreti e ruoli

Giuliana De Sio (Teresa), Richard Anconina (Ferdinando), Nicola D. Pinto (Friariello), Enzo Cannavale (Il padre di Teresa), Marzio C. Honorato, Mario Scarpetta, Nunzia Fumo, Pino Amendola, Giovanni Javorrone, Gianfranco Barra

Soggetto

vita non proprio allegra quella di Teresa, infermiera napoletana. Il marito Bebè la ignora (non fa nulla, salvo giocare a poker la sera con Mammà e poi dormire nel letto di lei), mentre l'altezzosa cognata Ernestina dirige un padiglione ospedaliero intestato al genitore, professor Gargiulo. Un giorno, per tirar fuori il padre da un impiccio (lui organizza tra i malati in corsia un lotto clandestino e si trova un grosso debito da pagare) Teresa firma un assegno a vuoto da un milione a favore di un medico creditore. Ora deve pensare a coprirlo e non ha davanti a sé che dodici ore. Disperata, incontra un certo Ferdinando, un simpatico giovanotto che vive di espedienti insieme all'amico Friariello. Con loro la donna passa le ore della notte implicata e travolta in bizzarre ed anche rischiose avventure: si trova senza rendersene conto a far da premio in una ricca tombola in un locale equivoco (e a lei, uscitane senza danno grazie ai due gaglioffi, va mezzo milione), mentre altre cinquecentomila lire essi gliele regalano, assistendo con qualche inghippo alle corse dei levrieri. Sulle piste di Ferdinando è però una banda di camorristi, che lo ritenevano morto e c'è di mezzo la faccenda di un camion, conteso fra una parte e l'altra, che, lanciato dal giovanotto, finirà bruciato con quello di un avversario. Ma Ferdinando non può certo morire. Egli ricompare all'ospedale, dove Teresa ha fatto portare il povero Friariello, cui i cattivi avevano iniettato una overdose per eliminarlo. Tutti e due se la caveranno, mentre Teresa, a conclusione della sua notte frenetica, scopre che il marito è un omosessuale, che la di lui sorella ricovera nel padiglione Gargiulo solo chi versa nelle sue mani mezzo milione per avere un letto e che lo stesso celebratissimo luminare Gargiulo era solo un imbroglione, ospite a suo tempo della galera per traffico di medicinali.

Valutazione Pastorale

una notte assolutamente scombinata e pericolosa quella di Teresa, infermiera napoletana, un pò ingenua e comunque sfortunata come donna. Ma all'alba davvero tutto si fa più chiaro: in sintesi, che anche tipi imbroglioncelli e scafatissimi sono spesso molto migliori di altri. Teresa, vittima di una situazione familiare infelice, alla disperata ricerca del milione che ha dato per istintiva generosità, se lo ritrova tutto intero, anche se in maniera fortunosa, grazie alla furbizia ed ai mirabolanti marchingegni, ma anche alla innata bontà tutta partenopea dei due amici occasionali. Il film è tutto qui, alternante pagine più pimpanti a momenti di stanca, zeppo di macchiette colorite, dotate di tutti gli ammiccamenti e gesticolamenti di rito. Qualche situazione amena e qualche altra più scabrosa motivano la valutazione.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film - SerieTV