SOLA … IN QUELLA CASA

Valutazione
Inaccettabile, Efferato
Tematica
Genere
Horror
Regia
Tibor Takacs
Durata
92'
Anno di uscita
1990
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
HARD COVER
Distribuzione
Chance Film Distribuzione
Soggetto e Sceneggiatura
David Chaskin
Musiche
Michael Hoenig
Montaggio
Marcus Manton

Sogg. e Scenegg.: David Chaskin -Fotogr.: (normale/a colori) Bryan England - Mus.: Michael Hoenig - Montagg.: Marcus Manton - Dur.: 92' - Produz.: Rafael Eisenman

Interpreti e ruoli

Jenny Wright (Virginia), Clayton Rohner (Richard), Randall William Cook (Malcolm), Steven Memel (Lenny), Stephanie Hodge (Mona), Vance Valencia (Navarro), Michelle Jordan (Colette), Murray Rubin, Vincent Lucchesi, Bruce Wagner

Soggetto

la giovane Virginia, che lavora a Los Angeles in una biblioteca circolante, predilige i libri basati sull'orrore. Quando legge quei pochissimi scritti di Malcon Brand (soprattutto "Io il pazzo"), le pare addirittura di identificarsi con il personaggio di Anna, che l'autore e eroe maschile ama alla follia. L'autore è il dottor Kessler, uno psicopatico già ospite di manicomi, che finisce con il comparire in casa di Virginia terrorizzandola con le sue profferte, dato che per lui Anna-Virginia sono la medesima persona. La faccia dell'uomo è parzialmente coperta da un manto nero, il quale ne cela la parte inferiore, devastata e orrenda. Ora Kessler si è deciso a ricostruirla e, a questo scopo, uccide e mutila molti innocenti. Frattanto Virginia comprende che nei libri di quell'uomo, pubblicati molto tempo prima da un modesto editore, è stato puntigliosamente tracciato il programma delle varie imprese delittuose, talché ora la ragazza riesce a prevedere data e luogo degli eventi criminali. Il fidanzato di Virginia, Richard, un poliziotto, dapprima scettico circa le impressioni di lei, alla fine si convince e, d'accordo con i superiori che gli è toccato persuadere a sua volta, prepara una trappola nella biblioteca dove Kessler deve recarsi una certa notte. Virginia vi si fa coraggiosamente trovare: ma la sua collega di lavoro Mona viene barbaramente assassinata e Richard stesso è assalito e ferito nel tentativo di proteggere la fidanzata. Nel frattempo un mostro mezzo cane e mezzo ominide, figlio del dottore e che nella soffitta della libreria vive, chiuso in una cassa, ferocissimo, aggredisce il genitore: nella violenta colluttazione entrambi muoiono.

Valutazione Pastorale

Tibor Takacs, ha creato uno strano miscuglio, una contaminazione di generi (tra il fantastico, il thrilling e l'horror), privilegiando ora la truculenza, ora la fantasia, ora la paura, in sostanza traendo le caratteristiche di ciascuno di essi, con parecchie lacune. Il copione ricicla la risaputa storia dell'ex-alienato, delle sue ossessioni mutilatorie, con l'aggiunta di un figlio, questa volta chiuso in una cassa nascosta fra libri ammuffiti: un figlio che è un incrocio repellente fra un cane, una scimmia e un alieno. Inutile aspettarsi trovate e fremiti di paura. Personaggi ben poco gradevoli, atona la infelice Virginia, con morti, mutilati ed efferatezze per il gran balenare del rasoio dell'assassino.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film