STORMBREAKER

Valutazione
Accettabile, semplice
Tematica
Adolescenza, Avventura, Mass-media
Genere
Avventura
Regia
Geoffrey Sax
Durata
93'
Anno di uscita
2006
Nazionalità
Germania, Gran Breatgan, Stati Uniti
Titolo Originale
Stormbreaker
Distribuzione
Medusa Film
Musiche
Alan Parker
Montaggio
Andrew MacRitchie

Orig.: Germania/Gran Bretagna/Stati Uniti (2006) - Sogg. e scenegg.: Anthony Horowitz dal proprio romanzo omonimo - Fotogr.(Scope/a colori): Chris Seager - Mus.: Alan Parker - Montagg.: Andrew MacRitchie - Dur.: 93' - Produz.: Steve Christian, Andreas Grosch, Marc Samuelson, Peter Samuelson.

Interpreti e ruoli

Alex Pettyfer (Alex Rider), Bill Nighy (Alan Blunt), Sophie Okonedo (miss Jones), Mickey Rourke (Darrius Sayle), Missi Pyle. (Nadia Vole), Alicia Silverstone (Jack Starbright), Andy Serkis (mr. Grin), Robbie Coltraine (Primo Ministro), Ewan McGregor (Ian Rider), Stephen Fry (Smithers), Damian Lewis (Yassen Gregorovich), Sarah Bolger (Sabina Pleausure)

Soggetto

La Divisione Operazioni Speciali dei Servizi Segreti britannici incarica il 14enne Alex di una missione molto particolare. In qualità di studente, deve incontrare il magnate americano Darrius Sayle che ha appena donato ad ogni scuola del Regno Unito un computer chiamato Stormbreaker. Alex deve verificarne la validità e soprattutto capire se all'interno non sia presente un letale virus capace di distruggere gli ignari utenti. Poco dopo essere entrato in contatto con Sayle, Alex capisce che lo zio Ian, suo tutore dopo la morte dei genitori, é stato eliminato mentre indagava sullo stesso. Il suo impegno allora si moltiplica e, nonostante i tentativi messi in atto per fermarlo, si libera, salta da un elicottero e arriva proprio nel momento in cui il Primo Ministro britannico si appresta a schiacciare il bottone che dovrebbe attivare in contemporanea i computer nelle scuole. Il pericolo é sventato, Sayle é arrestato. Alex festeggia con l'amica di classe che l'ha aiutato nell'impresa.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una simpatica avventura, tutta giocata sui richiami alla serie di James Bond. In effetti Alex appare come uno 007 adolescente, ben istruito prima di cominciare l'azione e dotato degli stessi strumenti 'speciali'. La scelta di un 14enne serve certamente a creare identificazione con quel pubblico di pari età (e dintorni) al quale la storia sembra indirizzarsi, con contorno di riflessioni sull'uso giusto o dannoso di quello strumento (il computer) che tutti hanno in casa e sulla scrivania. Tra sogno e una piccola satira sulla incapacità degli adulti di capire dove si annida il marcio, si arriva alla vittoria del bene sul male e al giusto lieto fine. Scorrevole e vivace, il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile e certamente semplice. UTILIZZAZIONE: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e da riprendere, più opportunamente, come proposta di passatempo per ragazzi.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film