STREET FIGHTER – SFIDA FINALE

Valutazione
Inaccettabile, Violento
Tematica
Genere
Fantastico
Regia
Steven E. De Souza
Durata
96'
Anno di uscita
1995
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
STREET FIGHTER
Distribuzione
Columbia Tristar film Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Steven E. De Souza ispirato al videogioco della Capcom
Musiche
Graeme Revell
Montaggio
Anthony Redman, Robert F. Shugrue, Ed Abroms, Donn Aron

Sogg.: ispirato al videogioco della Capcom - Scenegg.: Steven E. De Souza - Fotogr.: (scope/a colori) William A. Fraker - Mus.: Graeme Revell - Montagg.: Anthony Redman, Robert F. Shugrue, Ed Abroms, Donn Aron - Dur.: 96' - Produz.: Edward R. Pressman, Kenzo Tsujimoto

Interpreti e ruoli

Jean-Claude Van Damme (William Guile), Raul Julia (Generale M. Bison), Ming-Na Wen (Chun-Li Zang), Wes Studi (Sagat), Peter Tuiasosopo (Honda), Grand L. Bush (Balrog), Roshan Seth (Dhalsim), Kylie Minogue, Simon Callow, Damian Chapa, Byron Mann, Kenya Sawada, Kenzo Tsujimoto

Soggetto

nell'immaginaria nazione asiatica di Shadaloo, il generale M. Bison ha preso in ostaggio 63 militari dei caschi blu delle Nazioni Alleate, e minaccia di giustiziarli se entro 72 ore non riceverà 20 miliardi di dollari. Infiltrando con una finta evasione due lestofanti, abili nel karaté, nella gang del trafficante d'armi Sagat, fornitore di Bison, il colonnello William Guile scopre l'ubicazione del nemico e parte con i suoi militari, nonostante l'opposizione di un funzionario delle Nazioni Alleate. Frattanto la giornalista Chun-Li Zang, cui Bison ha ucciso tempo addietro il padre, penetra nel covo del dittatore fingendosi acrobata, ma viene catturata con i suoi due gorilla, Honda e Balrog. Guile, abbandonata la sua avveniristica imbarcazione antiradar, con cui ha eluso le difese del nemico, penetra nella fortezza. Qui incontra Charlie, un collega ed amico usato da Bison per un mostruoso esperimento genetico e, orripilato, vorrebbe ucciderlo, ma Dahlsim, lo scienziato responsabile, suo malgrado, del progetto, lo convince a risparmiarlo. Sostituitosi al mostro, che Bison vuol scatenare contro gli ostaggi, Guile ingaggia una lotta con Bison che, ucciso, si rigenera grazie ad un diabolico macchinario trasformandosi in un robot in grado di volare. Mentre i baschi blu, e lo stesso mostruoso Charlie, affrontano gli uomini del generale, Guile riesce ad eliminare il folle dittatore.

Valutazione Pastorale

tratto dai personaggi di uno dei videogiochi basati sulla violenza pura, il film costituisce comunque un subdolo e nocivo cocktail che soprattutto nei giovanissimi non può certo provocare benefici effetti. Denso di azione ed effetti speciali, è impregnato della tipica atmosfera fracassona ed iperbolica la cui apparente irrealtà non deve trarre in inganno. Infatti i messaggi di violenza sia che vengano da una situazione realistica o sia inseriti in una cornice fantastica, non cessano di essere comunque pericolosi. La collocazione sul piano del fantastico della vicenda non può far passare in secondo piano le atrocità mostrate sullo schermo, come quella del soldato reso mostruoso da esperimenti che purtroppo sembrano sempre meno lontani dalla realtà, con un'ingegneria genetica sempre più riecheggiante certe funeste ombre naziste, anche in laboratori di cosiddetti paesi democratici. Il male e la violenza, usati come mezzo di spettacolo, sono comunque da respingere.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film