SVALVOLATI ON THE ROAD

Valutazione
Accettabile, Brillante
Tematica
Amicizia, Avventura, Famiglia
Genere
Commedia
Regia
Walt Becker
Durata
99'
Anno di uscita
2007
Nazionalità
Stati Uniti
Titolo Originale
Wild Hogs
Distribuzione
Buena Vista International Italia
Soggetto e Sceneggiatura
Brad Copeland, Mike Tollin Brad Copeland
Musiche
Teddy Castellucci
Montaggio
Christopher Greenbury, Stuart H. Poppé

Orig.: Stati Uniti (2007) - Sogg.: Brad Copeland - Scenegg.: Brad Copeland, Mike Tollin - Fotogr.(Scope/a colori): Robbie Greenberg - Mus.: Teddy Castellucci - Montagg.: Christopher Greenbury, Stuart H. Poppé - Dur.: 99' - Produz.: Brian Robbins, Todd Liebermann, Sharla Sumper Bridgett.

Interpreti e ruoli

John Travolta (Woody Stevens), Tim Allen (Doug Madsen), Martin Lawrence (Bobby Davis), William H.Macy (Dudley Frank), Ray Liotta (Jack), Marisa Tomei (Maggie), Jill Hennessy (Kelly), Kevin Durand . (Red), Stephen Tobolowsky (Charley), Drew Sidora . (Haley Davis)

Soggetto

Quattro amici sul crinale della mezza età (Doug, Woody, Bobby, Dudley), decisi a rompere con la routine quotidiana, lasciano famiglia e problemi lavorativi, e partono per un viaggio folle sui rispettivi bolidi a due ruote. Da Cincinnati, la strada li porta nel Missouri e quindi nel New Messico. Qui entrano in collisione con la pericolosa banda dei Del Fuegos, centauri capitanati dal malvagio Jack, che terrorizzano un paesino chiamato Madrid. Dopo varie peripezie i quattro, dapprima impauriti e poi più intraprendenti, si prendono la rivincita sui teppistelli. Dudley conquista anche il cuore di Maggie, la proprietaria del bar locale. Il viaggio, dopo un confronto con le mogli arrivate sul posto, riprende e il gruppo approda in California, ultima meta prima del rientro a casa.

Valutazione Pastorale

Si tratta di una commedia spigliata e tutto sommato divertente, che riesce a mettere insieme una lunga serie di prototipi di "american way of life" senza renderli pesanti né retorici. La fuga 'on the road', la moto simbolo di anni ribelli alla 'easy rider', la nostalgia per le illusioni giovanili, la scazzottata come momento liberatorio, la prova di coraggio che riscatta una vita in grigio. (Negli USA la figura del poliziotto gay é stata fortemente criticata dalle associazioni omosessuali). Ci sono anche l'amicizia, che alla fine si rinsalda, la voglia di non perdere gli affetti familiari, la sensazione che scherzando si può vivere meglio. Forse il racconto é molto 'americano', ma una buona dose di ironia lo rende comprensibile (e digeribile) anche da noi, grazie soprattutto alla encomiabile prova dei quattro interpreti principali, capaci di ridere con classe di se stessi. Un prodotto gradevole per un film che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile e nell'insieme brillante.

Utilizzazione

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e da proporre come occasione di svago equilibrato e senza pretese.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film