VELOCE COME IL VENTO

Valutazione
Consigliabile, Problematico, dibattiti *
Tematica
Famiglia, Famiglia - fratelli sorelle, Sport
Genere
Drammatico
Regia
Matteo Rovere
Durata
119'
Anno di uscita
2016
Nazionalità
Italia
Titolo Originale
/////
Distribuzione
01 Distribution
Musiche
Andrea Farri
Montaggio
Gianni Vezzosi

Orig.: Italia (2015) - Sogg. e scenegg.: Filippo Gravino, Francesca Manieri, Matteo Rovere - Fotogr.(Scope/a colori): Michele D'Attanasio - Mus.: Andrea Farri - Montagg.: Gianni Vezzosi - Dur.: 119' - Produz.: Domenico Procacci per Fandango con RAI Cinema.

Interpreti e ruoli

Stefano Accorsi (Loris De Martino), Matilda De Angelis (Giulia De Martino), Roberta Mattei (Annarella), Paolo Graziosi (Tonino), Lorenzo Gioielli (Ettore Minetti), Giulio Pagnaghi (Nico De Martino), Tatiana Luter . (Eva)

Soggetto

Giulia De Martino è diventata presto un pilota di successo nel Campionato GT sotto la guida del padre Mario. Quando questi viene a mancare, Giulia si trova ad a dover affrontare da dola la pista. E a pensare al fratello Loris, un ex pilota ormai al tramonto, e al fratellino Nico, piccolo e sensibile...

Valutazione Pastorale

Dopo due film variamente intrecciati sul versante psico-sociologico e, a dire il vero, non del tutto riusciti (Un gioco da ragazze, 2008; Gli sfiorati, 2011), Rovre cambia decisamente registro, scenario, ambito di riferimento. Scegliere come scenario il mondo delle corse automobilistiche, e focalizzare in una ragazzina di 17 anni la protagonista principale significa avviarsi all'interno di una storia che si scontra con una realtà dinamica e movimentata, fatta di inciampi, distinguo, errori, occasioni e qualche rimpianto. Loris e Giulia cominciano con una violenta litigata, con un'ostilità reciproca che significa la non volontà di fare qualche passo avanti. E' solo attraverso un percorso fatto di piccoli/grandi passi e di progressiva comprensione che Loris e Giulia fanno scattare la luce di quella ritrovata armonia che vuol dire un futuro diverso e migliore. Sembra quasi incredibile che un finale così 'positivo' arrivi a suggellare una vicenda italiana. In realtà il copione elimina facili soluzioni, sdolcinamenti e banali armonie. Forse il clima emiliano romagnolo si adatta troppo semplicemente alla vicenda in fin dei conti non troppo 'negativa'. Forse il realismo cede presto all'altra faccia della favola, e il finale arriva a riempire un vuoto persino immaginato e non dichiarato. Resta tutto il comparto di contorno: le corse, le riprese sulle piste e nelle strade, la scelta della lingua locale, i personaggi di contorno che fanno autenticità e costruiscono quella idea di sporco, di fango, di pericolo che crea suspence e tensione. Il film è comunque di encomiabile tenuta e, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile, problematico e meritevole di dibattiti.

Utilizzazione

Il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e, in successive occasioni, come esempio di produzione nazionale che cerca di entrare nel 'genere' con bella padronanza espressiva.

Le altre valutazioni

Sfoglia l'archivo
Ricerca un film
Ricerca Film